Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Industria / 26/05/2003

Wall Street reagisce alle voci su Universal: 'Bronfman? Un dilettante'

Wall Street reagisce alle voci su Universal: 'Bronfman? Un dilettante'
L'idea che l'ex proprietario di Universal, Edgar Bronfman Jr., possa tornare in possesso del ramo musicale e cinematografico di Vivendi (vedi News) non entusiasma gli ambienti finanziari americani. “Molti, a Wall Street, lo considerano una specie di dilettante”, ha confidato al Los Angeles Times l'agente newyorkese Andrew Wallach. Che non se la sente tuttavia di escludere che il suo tentativo abbia successo: la famiglia è assai facoltosa, spiega, e ha interessi di rilievo in Vivendi.
Scottati dalla condotta spregiudicata dell'ex amministratore delegato Jean-Marie Messier (che Bronfman aveva ai tempi avallato, e che ha prodotto ingenti danni finanziari all'azienda e ai suoi investitori), gli operatori di borsa americani non sembrano disposti a concedere molta fiducia all'imprenditore canadese. A Bronfman non è stata perdonata quella relazione pericolosa né la decisione di vendere, ai tempi in cui era lui a dettar legge, la quota di maggioranza dei suoi interessi televisivi a Barry Diller: decisione su cui Vivendi fece successivamente marcia indietro, riacquistando le proprietà al doppio del prezzo.
Prese le distanze da Messier, che ha contribuito fattivamente ad allontanare dall'azienda, Bronfman ha riacquistato parte della sua credibilità: ma non abbastanza, a quanto pare, per rassicurare il mondo finanziario sulla validità strategica del suo piano che prevede di rilevare (con una spesa di circa 16 miliardi di dollari) l'intero pacchetto comprendente musica, cinema, televisione e parchi di divertimento. Per mettere insieme quella cifra, il magnate nordamericano ha bisogno di partner danarosi: tra quelli che gli hanno già assicurato la loro collaborazione ci sono Wachovia Corp, Merrill Lynch e Cablevision Systems, che al progetto porterebbe in dote i suoi programmi TV in cambio di una quota di capitale del 35 % in una società di nuova costituzione.