Analisi UK: 'Il file sharing aiuta l'industria musicale'

E' un bel cambio di punti di prospettiva quello che ha fornito il recente studio condotto dalla London School of Econimics sul file sharing. Stando a quanto riferito nel rapporto denominato "Copyright & Creation. A case for promoting inclusive online sharing" infatti, la condivisione dei file starebbe aiutando e non affossando l'industria musicale.

L'analisi dei ricercatori dell'Università di Londra si è basata sui dati di vendita online relativi a tutta l'industria dell' intrattenimento e ha constatato che i ricavi provenienti da internet rappresentano una parte piuttosto consistente nella crescita del settore musicale, dall'adozione delle piattaforme di file-sharing nel 2004. "Contrariamente a quanto dichiarato dalle aziende, l'industria musicale, non è alla stadio terminale del suo declino, ma continua ad acquisire terreno e a godere di buona salute", si legge nel comunicato stampa diffuso da Bart Cammaerts, docente presso il Dipartimento di Comunicazione e Media presso la LSE che ha effettuato lo studio.
"I ricavi delle vendite digitali, di servizi di abbonamento, streaming e live performance compensano il calo delle vendite di CD e dischi", si legge nell'analisi che prosegue indicando che paesi come l'America e l'Inghilterra - che hanno scelto di non adottare il file sharing come metodo di distribuzione - corrono il rischio di rimanere emarginate dal processo di crescita di "cultura on line"; e che le leggi sul copyright non necessariamente non fanno gli interessi migliori di chi crea: "Insistere sul fatto che le persone producono opere creative solo quando possono rivendicarne in diritti ignora la diffusione di pratiche che derivano dalla condivisione e co-creazione e il facile accesso al lavori creativi. Questo privilegia chi detiene i diritti di copyright non i creatori stessi".

Dall'archivio di Rockol - I dieci migliori album del 1987
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.