Addio al marchio MCA: la Universal lo vuole chiudere

Presente sul mercato discografico dal lontano 1924, negli ultimi anni il marchio MCA ha perso prestigio e quote di mercato, nonché – in parte – la sua identità, a seguito delle molteplici fusioni e cambi di mano di cui è stato oggetto. Per questo motivo l'attuale proprietario, la Universal Music, avrebbe deciso di toglierlo dalla circolazione entro fine anno, trasferendo gran parte dello staff e alcuni artisti del “roster” sotto l'etichetta Geffen Records, che riacquisterebbe in questo modo la consistenza di casa discografica vera e propria (l'attuale cast MCA comprende nomi come Blink-182, Shaggy, Roots, Mary J. Blige, Live e Lyle Lovett)

La major in realtà non ha ancora comunicato le sue intenzioni in merito, e rifiuta di commentare l'indiscrezione pubblicata dalla testata specializzata Hollywood Reporter. Ma sembra che proprio in questi giorni il presidente della Geffen, Jordan Schur, stia rinegoziando il suo contratto in funzione dei cambiamenti attesi nei prossimi mesi.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.