Bilancio EMI: cala il fatturato, aumentano i profitti (ma a caro prezzo)

Bilancio EMI: cala il fatturato, aumentano i profitti (ma a caro prezzo)
A pochi giorni di distanza da Universal, anche la major britannica alza il velo sul suo bilancio annuale. Senza destare, lei pure, grosse sorprese: al 31 marzo, la EMI ha incassato l'atteso aumento dei profitti (177,3 milioni di sterline, 248 milioni di euro, prima delle tasse: inferiore comunque alle previsioni degli analisti, che si assestavano tra i 180 e i 185,5 milioni di sterline) ma anche un ulteriore crollo del fatturato (- 11 %, 2, 175 miliardi di sterline) legato alle note condizioni in cui versa il mercato discografico mondiale.
La debuttante Norah Jones (13 milioni di copie vendute con l'album “Come away with me”) si è aggiudicata a sorpresa il best seller dell'anno, davanti a Coldplay e Robbie Williams (6 milioni di copie a testa) e ai Rolling Stones (5 milioni di copie con il doppio greatest hits "40 licks"). Non sono bastati però ad invertire un trend al ribasso che, nelle aspettative del presidente della società Eric Nicoli, proseguirà anche nei prossimi dodici mesi, sia pure in misura inferiore a quella del 2002.
La EMI, che occupa il terzo posto al mondo per quota di mercato, è riuscita a controbilanciare il calo delle entrate discografiche mettendo in atto, come tutte le sue principali concorrenti, un rigoroso piano di riduzione dei costi di esercizio (vedi News). E negli USA, dopo cinque anni consecutivi in perdita, la major è finalmente riuscita a raddrizzare la situazione, migliorando del 12 % il margine operativo. La cura ferrea imposta dalla coppia Alain Levy-David Munns ha avuto però il suo rovescio della medaglia: in un anno o poco più la EMI ha lasciato a casa 1900 dipendenti e ha “liquidato” 400 degli artisti che aveva sotto contratto nel mondo.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.