USA, un giudice vuole scoperchiare i segreti di KaZaA

Chi c'è dietro KaZaA, nemico pubblico numero uno dell'industria discografica mondiale che consente a duecento milioni di internauti in tutto il mondo di scambiarsi tranquillamente file musicali senza pagare nulla ai legittimi proprietari? Un giudice di Los Angeles, Patrick Walsh, lo vuole sapere, e ha ordinato al gestore del popolarissimo sito, Sharman Networks, di produrre un elenco delle società che finanziano la sua attività, nomi e cognomi dei suoi dirigenti e dati sul suo fatturato e sui suoi introiti pubblicitari.

Il magistrato californiano, insomma, vuole costringere la misteriosa impresa (che ha sede legale in una sperduta isola del Sud Pacifico, Vanuatu) ad uscire allo scoperto: permettendo in tal modo a case discografiche e editori musicali (che rappresentano gli autori) di individuare ed eventualmente perseguire in giudizio i suoi sostenitori, come EMI e Vivendi Universal hanno fatto il mese scorso con Hummer Winblad Venture Partners, una finanziaria “colpevole” di avere investito 13 milioni di dollari su Napster (vedi News).
Insieme a Grokster e a Streamcast Networks (proprietaria di Morpheus), Sharman Networks è stata portata in tribunale due anni fa dalle major musicali e dalle maggiori imprese del settore cinematografico: la vicenda tuttavia è tutt'altro che risolta, dopo che lo scorso aprile (vedi News) un altro giudice losangeleno ha esonerato le prime due da ogni concorso di colpa per le violazioni di copyright che avvengano utilizzando i loro software di file sharing.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.