Mushroom e Sanctuary: altre due indies nell'orbita delle majors

Mushroom e Sanctuary: altre due indies nell'orbita delle majors
Più l’acquario della musica diventa piccolo (e il “cibo” scarseggia), più i pesci grossi divorano i pesci piccoli. Due notizie arrivate in questi giorni da Londra sembrano confermare l’appetito insaziabile delle major nei confronti dei (pochi) cataloghi discografici indipendenti rimasti sul mercato. La Mushroom Records, indie britannica con dieci anni di storia alle spalle (nota per avere lanciato gruppi come Garbage e, recentemente, i Muse) è stata venduta dalla attuale proprietaria News International alla Warner Music; il direttore generale della società, Korda Marshall, è stato anch’egli arruolato nel gruppo come managing director della East West inglese.
Intanto la BMG ha firmato un accordo di licenza, distribuzione e promozione a livello mondiale (escluso il Regno Unito) con il Sanctuary Music Group che copre tutte le produzioni audio e video della holding (in cui la major del gruppo Bertelsmann avrebbe acquisito anche una quota di capitale). Le due società collaboravano già da tempo, in diversi territori, sul fronte della distribuzione, così come su iniziative speciali e operazioni di catalogo. Il nuovo contratto dovrebbe entrare in vigore dopo la scadenza, paese per paese, dei vigenti contratti di distribuzione: edel Italia, che gestisce il catalogo nel nostro paese, replica che l’accordo con BMG non avrà da noi effetto immediato, e che i termini dei futuri rapporti tra le parti devono ancora essere discussi (non è stato possibile, invece, contattare in tempo utile l’ufficio internazionale di BMG).
Il gruppo Sanctuary è particolarmente forte sul metal, grazie al marchio specializzato Metal-is Records e a nomi come Megadeth, Queensryche e Bruce Dickinson, ma vanta anche un “roster” significativo in ambito pop e mainstream rock (John Hiatt, Gary Moore, Dolly Parton, Alison Moyet e molti altri).
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.