Sony Music: negli USA altri tagli al cast artistico

Come dimostrano le “partenze” di Wyclef Jean e Ozzy Osbourne nonché le voci che circondano i Pearl Jam (vedi News), la multinazionale giapponese sta revisionando attentamente il suo “roster” artistico americano (che conta circa 230 nomi) nella speranza di trovare un altro modo per ridurre le sue spese di gestione. Il timore, però, è di ripetere gli errori del passato, quando – come ricordava ieri (13 maggio) un articolo pubblicato dal Los Angeles Times – la Sony, dopo averle allevate, si lasciò scappare future megastar come 50 Cent, Ashanti e Alicia Keys, consegnandole in pratica alla concorrenza (anche se sulla Keys la società ha mantenuto per contratto una piccola percentuale sulle vendite).
La mannaia, secondo quanto riporta il quotidiano USA, è pronta a calare su un gruzzolo di artisti non molto conosciuti, come i Crazy Town e i Duvell Boys, dopo che la società, su pressioni della madre Sharon, ha deciso anche di non esercitare la sua opzione su Kelly Osbourne (vedi News): ma la prudenza, a questo punto, è di rigore. La lista “nera” è nelle mani del nuovo numero uno americano della casa discografica, Don Ienner, che naturalmente non si lascia scappare nulla. “Come sempre”, si limita a sottolineare un comunicato aziendale, “il nostro roster è soggetto a cambiamenti, nel mentre scopriamo e sviluppiamo nuovi talenti”. Una (prevedibile) replica polemica arriva invece dal manager David Sonenberg, il cui assistito Wyclef Jean è passato alla J Records senza che la Sony facesse alcun tentativo per trattenerlo. “Alcuni dei tagli che stanno facendo sono pura follia”, ha dichiarato Sonenberg al giornale americano. “C'è da chiedersi perché le case discografiche siano così incapaci di riconoscere il talento”.
Dall'archivio di Rockol - Artisti che odiano i loro successi: 11 casi da manuale
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.