Spagna, chi favorisce la pirateria online rischia 6 anni di carcere

Spagna, chi favorisce la pirateria online rischia 6 anni di carcere

La Spagna alza il livello dello scontro con i "pirati" digitali. Secondo le anticipazioni pubblicate da TechCrunch il governo del Paese iberico, tra più colpiti dal file sharing non autorizzato e timoroso di finire nuovamente nella "lista nera" compilata dagli Stati Uniti (esponendosì così ad embarghi e rappresaglie), ha approvato una nuova legge che prevede la detenzione in carcere fino a sei anni per i gestori di siti Web che indirizzano il pubblico verso contenuti piratati e illegali forniti da terze parti. Le nuove norme, che dovrebbero entrare in vigore a partire dal prossimo anno, colpiranno solo gli intermediari che attraverso il sistema dei link realizzano "profitti in via diretta o indiretta" (ad esempio attraverso le inserzioni pubblicitarie).

In precedenza le misure punitive erano applicabili solo ai responsabili diretti delle violazioni di copyright, cioè agli individui che copiavano e distribuivano il materiale illegale: i quali sarebbero esenti dalle nuove disposizioni così come - stranamente - anche le piattaforme di file sharing peer-to-peer nonché i motori di ricerca come Google. La Spagna occupa tuttora il primo posto, in Europa, tra i Paesi più colpiti dalla pirateria digitale: secondo una ricerca condotta da Nielsen, nel 2012 circa il 45 per cento degli utenti Internet del Paese ricorreva regolarmente a siti che offrono musica e film senza l'autorizzazione dei legittimi titolari.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.