Universal condannata a pagare 130 milioni di dollari alla indie TVT

Universal condannata a pagare 130 milioni di dollari alla indie TVT
Steve Gottlieb, proprietario della casa discografica newyorkese, l'ha voluta leggere come la vittoria di Davide contro Golia, o meglio una “vendetta” dell'impresariato indipendente nei confronti delle grandi corporation che dominano l'economia americana e mondiale (e intanto si prepara ad intascare un risarcimento di ben 132 milioni di dollari, sempre che i successivi gradi del giudizio non ribaltino il verdetto). Il suo oppositore, il gruppo Island Def Jam che fa capo alla Universal, reclama a gran voce e annuncia l'immediato ricorso in appello: ma intanto la TVT Records si è aggiudicata un altro round nella vertenza che ha innescato lo scorso agosto 20002 (vedi News), quando decise di contestare in tribunale il presunto “sabotaggio” messo in atto dalla major nei confronti del contratto discografico che l'etichetta di Gottlieb aveva siglato con la Murder Inc. di Irv Gotti e il rapper Ja Rule per pubblicare un album del suo vecchio gruppo Cash Murda Click. La Island/Universal, che ha rilevato dalla TVT il contratto dello stesso Ja Rule, aveva inizialmente accettato il compromesso, ma richiamando l'artista agli obblighi di completare un nuovo album aveva finito per costringere Gottlieb a dilazionare l'uscita del disco, utilizzando parte del materiale su un DVD dello stesso Ja Rule e su una compilation. I giudici, che l'avevano già condannata in marzo in primo grado, hanno deliberato ora la “maxi-multa” da 132 milioni di dollari (parte dei quali a carico dell'amministratore delegato di Island Def Jam, Lyor Cohen) per “violazione volontaria di copyright e interferenza colpevole con un contratto di registrazione fonografica”. Alla TVT i soldi farebbero comodo, vista la situazione di crisi finanziaria in cui si trova (Gottlieb starebbe cercando di venderla): ma prima che il processo possa dirsi concluso passeranno dai due ai cinque anni.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.