USA, anche Clear Channel si mette a vendere CD live dei suoi concerti

La tendenza a fabbricare CD live da vendere pronta cassa come souvenir dei concerti appena conclusi sta diventando un affare serio, se anche il più grande promoter americano (e del mondo) ha deciso di cimentarsi nel campo: non tanto per far concorrenza alle case discografiche, hanno subito rassicurato i suoi dirigenti, quanto per massimizzare i profitti legati all'organizzazione degli spettacoli dal vivo.
Il New York Times riferisce che la nuova impresa, battezzata Instant Live, debutterà in tono volutamente minore, coinvolgendo inizialmente solo piccoli club e teatri dell'area di Boston. I responsabili di Clear Channel Communications hanno spiegato di aver preso ispirazione dalle rock band, sempre più numerose, che negli ultimi tempi hanno iniziato a vendere direttamente su Internet registrazioni dei loro concerti in risposta all'attività dei bootlegari e per venire incontro alle esigenze dei “traders”, i fan che si scambiano incessantemente materiale live degli artisti preferiti sotto forma di CD-R (pratica, quest'ultima, incoraggiata da numerosi gruppi americani). Le registrazioni confezionate da Instant Live, come quelle sfornate da altri operatori (tra cui la Sony Music e la “start-up” DiscLive, vedi News) saranno disponibili subito dopo la fine dell'esibizione. Come spiega l'articolo del Times, il master viene preparato miscelando il suono che proviene direttamente dal mixer con i rumori ambientali e le urla del pubblico raccolte dai microfoni posizionati nella sala: non appena il concerto è finito, la matrice viene trasferita ad una “torre” di masterizzatori, ognuno dei quali può duplicare fino a otto copie simultaneamente. Gli spettatori possono prenotare il CD quando acquistano il biglietto in prenotazione, ma anche durante l'esibizione o a conclusione della stessa performance. I dischi saranno anche in distribuzione presso i negozi della catena Best Buy: per ora nella sola area di Boston, ma prossimamente anche sul suo sito di vendita on-line.
Clear Channel ha già cominciato a sperimentare il sistema a fine febbraio, registrando e mettendo in vendita per 15 dollari il doppio CD di un concerto che la rock band Machinery Hall ha tenuto al Paradise di Boston: nell'occasione, e in altre successive, il disco-souvenir sarebbe stato acquistato dal 30 % circa degli spettatori del concerto. Quanto basta a convincere il promoter ad allargare presto l'iniziativa ad altre città americane e ad eventi di risonanza maggiore.
Dall'archivio di Rockol - Dieci gruppi italiani dai quali ci si potrebbe aspettare una reunion
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.