Negrita, 'Déjà vu': 'Come rivestire una fetta di passato'. La videointervista

Negrita, 'Déjà vu': 'Come rivestire una fetta di passato'. La videointervista

"Questa non è una raccolta, non è un greatest hits, non è un live", ecco quello che "Déjà vu" non è. Quello che invece "Déjà vu" vuole essere (ed è) è il frutto del corposo lavoro di riarrangiamento in chiave semiacustica con cui i Negrita hanno donato nuova luce ad alcuni dei loro pezzi più celebri - e non solo - e che oggi, 17 settembre 2013, esce sul mercato discografico come un doppio album.
L'idea di riportare in studio le canzoni più significative di un'intensa carriera è diretta conseguenza della buona riuscita dell' "Unplugged Tour 2013", la lunga serie di spettacoli acustici che ha portato la band aretina nei maggiori teatri italiani. Il successo, la grande richiesta di pubblico e i sold-out registrati dalla tournée hanno così portato a due conseguenze: l'avvio di una seconda sessione di spettacoli teatrali, "Negrita - Teatri 2013", al via il prossimo 17 ottobre, e la realizzazione di "Déjà vu" per l'appunto. A spiegarcelo sono stati Pau e Cesare direttamente: "L'idea di fare un acustico, o uno pseudo acustico era nell'aria da moltissimo tempo perché fa parte del nostro background di ascolto sin da quando siamo ragazzetti. Ma la messa in opera di questa avventura è nata proprio alla fine del tour perché sentivamo di aver fatto un grande lavoro di riarrangiamento e buttare alle ortiche tutto senza testimoniarlo ci sembrava una grossa perdita. Però è anche vero che nel 2012 siamo usciti con un DVD Live, di riprese nei palasport e anche di un album del live delle date di Milano e Roma. Quindi non volevamo neanche ripeterci e la formula meticcia, termine a noi caro, si è rivelata la migliore. Non è una raccolta, non è un greatest hits, non è un live ma solo arrangiamenti che son stati eseguiti per 30, 40 volte nei teatri italiani e poi risuonati con più cura e accortezza dei suoni in uno studio di registrazione. Con una cura maniacale, quasi da disco di inediti. Ma è un rivestire una fetta di passato e rendersi conto che quel passato non era così male. Anche perché con altri arrangiamenti i brani stanno in piedi benissimo. Dai, è un motivo di orgoglio."

Attingere da un bacino che da quasi vent'anni viene riempito con pezzi del calibro di "Ho imparato a sognare", "Magnolia", "Mama maè" o "Radio conga" non ha facilitato la selezione della tracklist: "Fare una cernita dei brani che si prestavano meglio a questa rivisitazione è stato già quello un aspetto stimolante. I risultati migliori sono arrivati dai brani che forse avevano meno chance sulla carta di rendere bene in acustico. Lì forse i neuroni si sono mossi di più e alla fine sono quelli che hanno reso particolare questo progetto. Un pezzo come 'Il libro in una mano, la bomba nell'altra', che già aveva un carattere forte e ben definito nella versione elettrica, lo abbiamo completamente rivisto praticamente riscritto."


Caricamento video in corso Link



Il discorso "dal vivo" invece, offre un maggiore raggio d'azione invece: "Abbiamo scelto i brani che a pelle ci affascinavano di più, immaginandoci come potevano diventare. Siamo partiti da una rosa molto ampia e piano piano abbiamo fatto una cernita fino ad avere tra le mani 25 30 brani. Adesso ripartiamo per il tour, a ottobre, faremo altri 25 concerti quindi alla fine saranno più di 60 in tutto l'anno. Dovendo cambiare un po' la scaletta sono contento di poter inserire anche brani che non sono finiti dentro 'Déjà vu'. Per avere anche delle novità. Non mi sarei mai aspettato che fosse così piacevole riarrangiare con altri suoni e strumenti cose che magari hai scritto vent'anni fa.".

Tra i cavalli di battaglia che i Negrita hanno deciso di schierare nel doppio album ci sono anche le due nuove leve della loro scuderia, ovvero gli inediti "La tua canzone" e "Anima lieve". Il primo singolo, in circolazione ormai dall'inizio di luglio, ha avuto tutto il tempo per dimostrarsi all'altezza dei suoi predecessori. Anch'esso è infatti acclamato a furor di popolo, come ci spiegano loro: " All' unanimità ci scrivono che la canzone sembra stata scritta per ognuno di loro. Ha un testo che incita le persone a fare tanto, a fare meglio, una bella lezione di fiducia. Per questo è entrata nell'anima della gente. Fa parte, insieme ad 'Anima lieve' di un gruppo di brani composti senza obbiettivi. Quando non abbiamo progetti in ballo scriviamo musica, ovviamente. Quindi abbiamo aperto quel file e tirato fuori quei due brani lì."

Un file che è come un cilindro magico e dal quale i Negrita promettono di tirare fuori altri conigli: "Scriveremo perché avendo sempre dietro computer e device vari è anche facile appuntare le idee, archiviarle e trarne degli spunti. Ormai è un minestrone la nostra vita. Non sappiamo più chi siano, non sappiamo più dove abitiamo o a chi siam sposati. Mia moglie però me lo ricorda sempre quando torn o a casa. E questo è un fatto."

Dall'archivio di Rockol - raccontano "I ragazzi stanno bene”, la loro canzone in gara a Sanremo 2019
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.