Rough Trade, il 25 novembre apre il negozio di Brooklyn

Rough Trade, il 25 novembre apre il negozio di Brooklyn

Prendono finalmente corpo i programmi di Rough Trade (titolare di due celebri e celebrati punti vendita a Londra) di aprire un negozio di dischi a New York: lo spazio, poco meno di 1.400 metri quadri ricavati in un vecchio e dismesso deposito di accessori di scena cinematografici sito nel quartiere di Williamsburg, a Brooklyn, aprirà al pubblico lunedì 25 novembre.

"Sotto molti aspetti New York e Londra si assomigliano", ha spiegato a Billboard il co-presidente della società Stephen Godfroy. "Entrambe sono celebrazioni caleidoscopiche delle differenze e delle somiglianze che esistono nel mondo. Ed entrambe si caratterizzano per l'apertura mentale, un profondo rispetto per il passato e un appetito vorace per il futuro: elementi che si combinano per produrre un clima adatto al nostro particolare approccio al commercio di prodotti musicali".

Il negozio di Williamsburg, che da programmi - ritardati da problemi in fase di progettazione ed edificazione - avrebbe dovuto aprire già a fine 2012, disporrà di una superficie di vendita di circa tre volte superiore a quella del maggiore dei punti vendita londinesi, Rough Trade East; offrirà al pubblico solo prodotti nuovi (niente usato) in molteplici formati e, proprio come la struttura di Brick Lane, disporrà anche di un'area relax e svago a disposizione dei clienti e di un palco per esibizioni dal vivo (gratuite negli orari di apertura, a pagamento la sera in collaborazione con l'agenzia di booking The Bowery Presents). "L'enfasi verrà posta sulla musica intesa come arte e non come merce", assicura Godfroy a Billboard. "Sotto questo aspetto sarà fedele alla filosofia dei nostri negozi a Londra, luoghi in cui gli amanti della musica e della cultura di qualunque età e gusto si ritrovano per celebrare il senso di essere indipendenti".

Le premesse non sono necessariamente delle migliori dal momento che - come ricorda sempre Billboard - negli Stati Uniti i negozi indipendenti hanno perso in cinque anni oltre il 36 per cento delle vendite, e il calo strutturale del giro d'affari ha costretto alla chiusura insegne storiche come Bleecker Bob's nel Greewich Village. Ma Godfroy non sembra preoccupato e accetta la sfida: "Questa città richiede qualcosa di veramente speciale, e auspicabilmente è quello che otterremo in collaborazione con la gente che visiterà il punto vendita e ne definirà l'atmosfera nei mesi e negli anni a venire. Questo negozio è un modo di dire grazie alla gioia e ispirazione che New York ci ha regalato con la sua musica e la sua cultura".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.