Rhapsody: licenziamenti in Usa, un nuovo investitore e programmi internazionali

Rhapsody: licenziamenti in Usa, un nuovo investitore e programmi internazionali

Rivolgimenti in seno a Rhapsody, pioniere dello streaming musicale oggi sopravanzato sul mercato internazionale da Spotify e Deezer: il presidente Jon Irwin, come anticipato per primo dal sito The Verge, ha lasciato l'incarico (proseguirà come consulente) insieme al 15 per cento dello staff mentre è arrivato un nuovo investitore, Columbus Nova Technology Partners, i cui direttori Jason Epstein e Andrew Intrater hanno già preso posto nel consiglio di amministrazione.

La riduzione di organico, evidentemente legata alla necessità di ridurre i costi di esercizio, riguarda solo la sede statunitense della società, che nel mondo conta oggi circa 200 dipendenti. "Rhapsody International è destinato a una fortissima crescita", ha dichiarato Epstein in un comunicato in cui la società precisa di volere accelerare i suoi sforzi nei mercati emergenti e in Europa (in Italia è presente dal giugno scorso con il marchio Napster). "Recentemente", ricorda il neo consigliere, "abbiamo lanciato il servizio di streaming musicale di Napster in altri 15 Paesi europei e messo in atto una partnership con MTV congiuntamente al gestore di reti wireless tedesco ePlus. Abbiamo inoltre in cantiere un gran numero di innovazioni di prodotto e di partnership globali" (il mese scorso il general manager tedesco Thorsten Schliesche aveva anticipato alla stampa la volontà di effettuare altre acquisizioni). 

Sul New York Times Ben Sisario fa i conti in tasca alla società, nata nel 2001 e posseduta al 45 per cento da Real Networks: nella prima metà del 2013 i ricavi sono ammontati a 68,6 milioni di dollari, il 6 per cento in meno dello stesso periodo dell'anno precedente, mentre il disavanzo netto è cresciuto da 5,6 a 9,2 milioni di dollari. Il leader di mercato Spotify ha riportato nel 2012 ricavi per 578 milioni di dollari ma finora opera anch'esso in perdita ( 78 milioni di dollari, l'anno scorso).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.