USA, le nuove leggi anti-droga preoccupano i promoter di concerti

Happening e raduni rock a rischio, negli Stati Uniti, dopo che il presidente George W. Bush ha firmato un provvedimento di legge che estende ai promoter la responsabilità civile e penale per l’acquisto e la vendita di sostanze stupefacenti che avvengano nel corso di manifestazioni pubbliche all’aperto. Le nuove norme, conosciute con il non casuale acronimo di RAVE (Reducing Americans’ Vulnerability to Ecstacy), rielaborano un testo precedentemente respinto dal Congresso americano che prendeva di mira proprio i rave party, ritenuti eventi a forte rischio per quanto riguarda la circolazione di droghe e di sostanze illegali. Ma ora, inserite nel contesto più ampio dell’ “Amber Alerts Bill”, una legge che intende tutelare i minori da ogni tipo di abusi, sono state approvate ed entreranno presto in vigore: la conseguenza è che gli organizzatori di eventi in cui verrà accertata la vendita e il consumo di droghe rischieranno la prigione e multe fino a 250 mila dollari o pari al doppio degli incassi. Qualche impresario potrebbe pensarci due volte, prima di mettere in piedi grandi concerti all’aperto in cui è ovviamente impossibile controllare tutto ciò che succede: che ne sarà di eventi notoriamente “permissivi” in materia come il Lollapalooza appena rinato (vedi News) e l’emergente Bonnaroo Festival, epicentro della scena jam band?
Dall'archivio di Rockol - Dieci gruppi italiani dai quali ci si potrebbe aspettare una reunion
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.