Musica on-line: la Apple ha fatto centro?

Reazioni estremamente positive, da parte di critica e pubblico, ha generato il debutto on-line dell'iTunes Music Store, il “negozio elettronico” della Apple che consente ai possessori di computer Macintosh di acquistare e scaricare musica da Internet al prezzo di 99 centesimi a canzone (vedi News).
Secondo il Los Angeles Times, la società di Steve Jobs ha venduto oltre 250 mila brani solo nel primo giorno di attività, generando un fatturato aggiuntivo di 250 mila dollari per l'industria musicale. Apprezzamenti sono stati indirizzati al servizio anche per la facilità d'uso e la completezza del catalogo, da cui manca tuttavia l'intero repertorio di gruppi come Beatles, Rolling Stones, Led Zeppelin e Metallica: ma a parte queste mancanze, sembra di capire che con MusicNet, Pressplay e gli altri servizi preesistenti non ci sia partita.
Dall'archivio di Rockol - Artisti che odiano i loro successi: 11 casi da manuale
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.