NEWS   |   Industria / 12/09/2013

Il 'poliziotto' dei Village People: 'Torno in possesso delle mie canzoni'

Il 'poliziotto' dei Village People: 'Torno in possesso delle mie canzoni'

I legali di grandi artisti come Bob Dylan, Tom Waits, Tom Petty e Billy Joel continuano a seguire con grande attenzione le evoluzioni della causa intentata da Victor Willis, il "poliziotto" originale dei Village People, per riprendere possesso dei suoi copyright musicali sfruttando la norma dei "termination rights" che negli Stati Uniti garantisce tale diritto, una volta trascorsi 35 anni, sui brani pubblicati a partire dal 1978 (data di entrata in vigore della legge). Il cantante e autore americano ha chiesto la restituzione della proprietà di 33 canzoni di cui aveva ceduto i diritti d'autore, inclusi gli hit "Y.M.C.A.", "In the navy" e "Go west" (ma non "Macho man", scritta e depositata prima del 1978), e sembra sul punto di vincere la causa come lui stesso ha riferito al New York Times.

Anche se i legali dell'editore francese Scorpio Music sostengono che una sentenza definitiva al riguardo non è ancora stata emessa e che l'esito della vicenda è tutt'altro che certo, l'avvocato di Willis, Jonathan Ross, si mostra estremamente fiducioso e dichiara che l'unica materia ancora da dirimere in tribunale riguarda la ripartizione dei diritti tra il suo assistito e i coautori delle canzoni, Henri Belolo (proprietario della Scorpio) e Jacques Morali (nel frattempo scomparso e sostituito dai suoi eredi).

Willis, altrettanto fiducioso, pianifica già il futuro: "Ho avuto un sacco di offerte da case discografiche e società di edizioni ma non ho ancora deciso come verrà gestito il catalogo", ha spiegato al New York Times aggiungendo che potrebbe decidere di impedire agli attuali Village People di continuare a interpretare dal vivo le sue canzoni. "Negli anni ho imparato che alla proprietà dei copyright si accompagnano grandi poteri. Puoi impedire a qualcuno di eseguire la tua musica, se lo vuoi, e potrei avanzare le mie obiezioni nei confronti di alcuni utilizzi".

L'artista americano ha raccontato di essersi accorto della possibilità di riguadagnare il controllo del suo catalogo grazie alla moglie, un avvocato. "Quando sei giovane ti interessa solo farti vedere in giro e non presti attenzione a quel che sta scritto sui documenti. Non avevo neppure mai letto uno dei contratti che mi venivano sottoposti, e si tratta di un grave errore. Ora spero che altri artisti si procurino un buon avvocato e possano recuperare le opere che hanno ceduto quando erano più giovani senza sapere che cosa stesse succedendo intorno a loro". Pare che Dylan e Petty, tra gli altri, si siano già premuniti, presentando domanda preventiva di restituzione delle canzoni pubblicate dal 1978 in avanti.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi