Londra, il 24 settembre seminario sulla radio con BBC, Spotify e Deezer

"In marcia verso l'estinzione della radio musicale?". E' questo il provocatorio sottotitolo del secondo seminario della serie "Music 4.5 Smart Radio" che 2Pears, società specializzata nella creazione di eventi e nell'attività di networking tra aziende operanti nei settori dei media, della musica e dell'hi tech, organizza nel pomeriggio del 24 settembre a Londra negli uffici di E1even in Chancery Lane. Ad aprire i lavori, con un intervento dedicato alla radio come "concetto mentale in transizione", sarà Mark Mulligan, analista fondatore di Midia Consulting, mentre Phil Critchlow, fondatore e direttore di TBI Media, dedicherà la sua relazione al tema del rapporto tra contenuti, modelli di business, sponsorizzazioni e pubblicità.

Gli altri speaker della giornata sono Alan Wallis, Head of Media & Entertainment, Valuation & Business Modelling di Ernst&Young e Göran Andersson, amministratore delegato di Kollektor, mentre due differenti panel di discussione coordinati rispettivamente dal consulente Dominic Houston e da Cliff Fluett di E1even vedranno confrontarsi l'ad di Rara Jez Bell, l'ad di Deezer Uk Mark Foster (ex Warner Music), Amanda Harcourt di IP Consulting (già a capo dell'organizzazione britannica degli autori), Ben McEwen della società di collecting PRS For Music, il responsabile musicale di BBC Radio 2 & 6 Music Jeff Smith nonché il cofondatore e ad di 7digital Ben Drury, il managing director Uk & Benelux di Spotify Adam "Sven" Williams, l'ad di Soundout David Courtier-Dutton, Nats Spada di Totally Radio e Jeff Hughes di Omnifone su temi come sostenibilità dei modelli di business e possibilità di monetizzazione della Internet radio, il ruolo delle agenzie di collecting, lo sviluppo delle app radiofoniche e le sfide tecniche che attendono gli operatori.

Music Biz Cafe, parla Enzo Mazza (FIMI)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.