Compilation 'copiate' dagli utenti, Ministry of Sound fa causa a Spotify

Compilation 'copiate' dagli utenti, Ministry of Sound fa causa a Spotify

Alcuni utenti di Spotify pubblicano sulla piattaforma di streaming playlist ricalcate per filo e per segno sulle scalette delle compilation targate Ministry of Sound: la cosa non è piaciuta all'etichetta dance inglese che - informa la stampa inglese - ha citato in giudizio la Web company svedese invocando la rimozione immediata delle tracklist "copiate" e un'inibizione a comportamenti analoghi in futuro.

"E' stato incredibilmente frustrante", ha spiegato l'amministratore delegato di MoS Lohan Presencer al quotidiano Guardian dopo avere presentato un ricorso lunedì scorso, 2 settembre, presso l'Alta Corte di Giustizia britannica. "Crediamo che il punto da noi contestato sia molto chiaro, eppure Spotify ci ha opposto un muro. Cio che facciamo è molto più che assemblare delle playlist. C'è molto lavoro di ricerca nella creazione delle nostre compilation e nel trattamento dei diritti di proprietà intellettuale che vi attengono. Non è appropriato che qualcuno ne faccia semplicemente un copia e incolla. Oggi tutti parlano di curation (la selezione, aggregazione e organizzazione dei contenuti), ma quel concetto è stato la pietra angolare del nostro business in questi ultimi vent'anni". In sostanza, Ministry of Sound contesta alla piattaforma la violazione di un copyright, dal momento che le scalette delle sue compilation sarebbero un'opera dell'ingegno il cui assemblaggio richiede abilità, esperienza e competenze specialistiche.

Al Guardian un portavoce di Spotify ha confermato di avere ricevuto notifica dell'atto giudiziario, senza tuttavia rilasciare ulteriori commenti a riguardo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.