USA, sotto processo un privato che rivendeva i CD comprati per posta

USA, sotto processo un privato che rivendeva i CD comprati per posta
Le offerte di lancio dei grandi club del disco che, come Columbia House e BMG Music Services, regalano ai nuovi abbonati una decina di CD per ogni prodotto acquistato, offrono periodicamente il destro ad attività di commercio illegale. Negli Stati Uniti, vittime le stesse imprese di mail order, casi del genere erano già emersi alla luce tra il 1999 e il 2000. E tornano alla ribalta anche oggi: Scott Collins, un quarantaquattrenne residente del New Jersey, ha ammesso davanti ai giudici di avere approfittato negli anni dei lanci promozionali delle due società per accumulare quasi 50 mila CD, che poi rivendeva con profitto nei mercatini delle pulci di diverse città americane. Per eludere i sospetti, l’intraprendente Collins ha usato almeno 53 differenti nominativi ed indirizzi e quasi altrettante cassette di deposito e caselle postali, coinvolgendo nel traffico illecito una vasta rete di collaboratori. L’attività illegale è proseguita per diversi anni: Collins e la moglie, sua complice nell’impresa, rischiano cinque anni di galera e una multa di 250 mila dollari, ma essendosi dichiarati colpevoli beneficeranno probabilmente di forti sconti di pena.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.