Mercato mondiale: crollano i CD, avanzano (timidamente) i nuovi supporti

Nessuna sorpresa nei dati IFPI per il 2002, come ammette lo stesso presidente dell'organizzazione internazionale dei discografici Jay Berman.

Il calo mondiale delle vendite di CD – - 8 % in pezzi venduti, - 7 % in termini di fatturato, sceso a 32 miliardi di dollari USA - – era largamente atteso, dopo le cattive notizie che nei mesi scorsi si erano propagate dai principali mercati del disco. Ricapitolando: pirateria tradizionale e on-line, masterizzazione fatta in casa e fattori esogeni come la crisi economica e la concorrenza di beni alternativi di intrattenimento (consolle per videogiochi, film in DVD ecc.) hanno colpito duramente e in vario modo la discografia dell'intero pianeta. L'elenco delle vittime include gli Stati Uniti (il downloading illegale ha tagliato le gambe a molti potenziali best seller, costringendo il maggiore mercato del mondo a chiudere in rosso per il terzo anno consecutivo), la Gran Bretagna (l'industria ha ridotto prezzi e giro d'affari, – 3 %, per conservare i volumi di vendita), il Giappone (dove le vendite di CD-R hanno superato quelle di supporti preregistrati: 236 milioni contro 229), la Germania e la Spagna (stesso problema, ma in forma ancora più grave: il fatturato discografico tedesco è crollato di un altro 9 %, due CD venduti su cinque in territorio iberico sono illegali). Per non parlare dei paesi asiatici (- 10 %, con l'unica eccezione di Singapore) e dell'America Latina, con il Messico, decimo mercato al mondo, in calo del 19 % e l'Argentina, - 23 %, messa in ginocchio dalla drammatica situazione di instabilità politica ed economica, mentre il resto dell'area sconta un tasso di pirateria che tocca mediamente il 50 % (si salva solo il Brasile, dopo parecchi anni bui). In Europa sono sostanzialmente piatti i mercati di Norvegia e Portogallo, mentre è solo apparente la crescita di fatturato in Italia (due milioni di euro in più, 340 in totale, grazie alle promozioni sul catalogo: ma l'altra faccia della medaglia, vedi News, è il crollo sui titoli novità) e resta in piedi la sola industria francese, + 4 %, grazie alla tenuta del repertorio locale. .


Più in dettaglio, il mercato mondiale segnala un crollo tanto nelle vendite di CD album (- 6 %), che nei CD singoli (- 16 %) e nelle cassette (- 36 %). Ma Berman ci tiene a sottolineare anche i segnali positivi che si scorgono nell'evoluzione dei consumi musicali. Aumenta infatti, almeno nei paesi ricchi e tecnologicamente avanzati, la popolarità dei nuovi supporti, video musicali in formato DVD (+ 58 %, con oltre 1.300 titoli pubblicati nel corso del 2002), DVD Audio e Super Audio CD (vendite più che triplicate in un anno, e oltre il milione di copie complessivo). E' confortante il numero di artisti giovani di successo (Norah Jones, Avril Lavigne, Shakira, Nickelback). E proliferano, a dispetto del file sharing gratuito, nuovi siti di distribuzione legale di musica on-line: come, negli ultimi mesi, dotmusic.com (vedi News), popfile,de, hmv.co.uk e imusica.com.br. Basteranno, tutti questi elementi insieme, ad invertire la rotta negli anni a venire? Il capo dell'IFPI (è uno dei suoi compiti istituzionali, in fondo) sembra convinto di sì. Ma intanto, parlando all'agenzia Reuters, ha confessato di aspettarsi un calo ulteriore del 5 % per il 2003.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.