Manuel Agnelli racconta il festival 'Hai paura del buio?': la videointervista

Manuel Agnelli racconta il festival 'Hai paura del buio?': la videointervista

Un festival diverso: questo è, nelle intenzioni del suo creatore Manuel Agnelli, “Hai paura del buio?” . “Una sorta di circo”, racconta il leader degli Afterhours, che è passato ieri nei nostri uffici per raccontare l'idea. 3 date, la prima questa settimana, Venerdì 30, alle OGR di Torino e poi il 13 settembre a Roma (dove è annunciata anche la presenza del Ministro della Cultura Massimo Bray), quindi il 30 ottobre a Milano. Poi, l’idea di portare il festival in giro per l’italia. Solo nella data Torinese, all’interno della rassegna Traffic, ci saranno sei palchi, con concerti “regolari” ma una contaminazione non solo di perfomance e artisti - tra cui “Contemporary music”, con il rock che si fonde con la cosiddetta “musica colta” - ma anche di spazi. Agnelli, nella videointervista che potete vedere qua sotto, racconta l’origine dell’idea. "Hai paura del buio", spiega, nasce dalla frequentazione dei teatri occupati come l’Angelo Mai di Roma: “Nasce per cercare di fare un festival diverso da quelli che si vedono in giro, per fare una cosa bella, per trasmettere questa esperienza che sono i laboratori dei teatri occupati, posti dove si può sperimentare, dove i numeri non contano più di tanto, quanta gente viene i paganti e se hai uno sponsor... sono laboratori vitali per uscire un po’ dagli schemi che ci schiacciano un po’ in tutti i settori, ma soprattutto nella musica". 


Contenuto non disponibile


Agnelli, nella videointervista, racconta la nascita del cast, il manifesto del Festival. E risponde anche alle polemiche che in rete ne hanno accompagnato l’annuncio: “A noi non interessa stimolare il dibattito sulla cultura, c’è già. Ci interessa fare qualcosa di bello e concreto”, spiega Manuel, che ribadisce la scelta di essere senza sponsor, con unici introiti i biglietti che andranno a ripagare i costi vivi. “Cercheremo, dove possibile, di pubblicare i conti per far capire il lavoro e la professionalità che c’è dietro ad un festival di questo tipo, così tante performance, in spazi di questo genere. Difficilmente andremo in pareggio, ma cercheremo comunque di rimanere a galla dal punto di vista economico. Ma bisogna fare, fare, fare”. L’idea è, appunto, quella di portare avanti il festival ben oltre i primi appuntamenti:: “L’andamento di queste tre date sarà decisivo sul futuro, ma vedo un entusiasmo tale che mi fa pensare che non ci siano dubbi sul fatto che possa andare avanti, portandolo in giro, soprattutto al sud”, spiega.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.