Glastonbury, pressioni dell'organizzatore su eBay per i prezzi-scandalo

Glastonbury, pressioni dell'organizzatore su eBay per i prezzi-scandalo
Come già riportato da Rockol, sono stati bruciati in sole 24 ore tutti i biglietti per il più grande festival dell'estate musicale britannica, il Glastonbury. Dopo la notizia che alcuni acquirenti avevano già tentato di rivendere i preziosi tagliandi a prezzi astronomici (270 euro l'uno), è sceso in campo il lìder maximo in persona, il veterano promoter Michael Eavis. L'organizzatore ha comunicato d'aver iniziato a far pressioni sul Website sul quale erano apparsi i biglietti, eBay. "Pare che eBay possa riuscire a far sospendere questa vendita a prezzi da estorsione", ha riferito Eavis. C'è però da registrare una certa confusione sul numero esatto dei tagliandi acquistati: si era parlato di 85.000 biglietti venduti in 24 ore, ma ora la maggior parte delle fonti britanniche afferma che in realtà siano 112.000, 27.000 in più.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.