Russia, i Bloodhound Gang espulsi dal paese per vilipendio alla bandiera

Russia, i Bloodhound Gang espulsi dal paese per vilipendio alla bandiera

I Bloodhound Gang sono stati esplulsi dal cartellone di un festival (e dal paese) e fortemente contestati con lanci di uova e pomodori per aver vilipeso la bandiera russa: a creare il caso è stata una trovata del bassista della formazione americana, Jared Hasselhoff, che durante un concerto lo scorso giovedì a Odessa, in Ucraina, si era infilato nelle mutande un vessillo russo avvertendo il pubblico, tra l'ilarità generale, di "non dire niente a Putin".

Peccato, però, che i russi su certe cose siano inclini a tutto tranne che all'ironia facile, e che il tour del gruppo di "Bad touch" stesse proseguendo proprio alla volta del festival Kubana di Anapa, sul Mar Nero, a 1500 chilometri da Mosca. "I Bloodhound Gang stanno facendo i bagagli", ha twittato sbrigativamente il ministro della cultura locale, Vladimir Medinsky: "Quegli idioti non saliranno sul palco del Kubana Festival". A nulla è valsa la conferenza stampa indetta lo scorso venerdì dallo stesso Hasselhoff, che - scusandosi - ha spiegato come la cifra goliardicamente volgare sia uno dei marchi di fabbrica del gruppo: il giorno successivo, sabato, le autorità russe hanno interrogato ufficialmente il musicista, riservandosi di incriminarlo per vilipendio e diffamazione. L'ultimo saluto dall'ex cuore di quello che fu l'impero sovietico al gruppo l'ha dato un gruppo di manifestanti con un vigoroso lancio di uova e pomodori che ha avuto per teatro l'aeroporto di Anapa, ultima tappa prima della coincidenza che - a Mosca - ha portato Jimmy Pop e compagni portati fuori dal paese.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.