Spotify, nel 2012 ricavi pù che raddoppiati ma deficit in aumento

Spotify, nel 2012 ricavi pù che raddoppiati ma deficit in aumento

E' costato molto, a Spotify, lo sforzo di attirare verso il suo servizio di streaming nuovi abbonati a pagamento (ora più di 6 milioni, su circa 20 milioni di utenti attivi): secondo i documenti finanziari resi pubblici in queste ore dalla stessa società svedese, l'anno fiscale 2012 si è chiuso con un disavanzo netto di 58,7 milioni di euro (contro i 45,4 milioni del 2011) nonostante il forte incremento dei ricavi (abbonamenti e pubblicità) passati da 190,4 a 434,7 milioni di euro. A pesare sul conto economico sono stati soprattutto i costi connessi alle vendite, cresciuti da 186 milioni a 363 milioni di euro e di cui le royalty versate a case discografiche ed editori musicali rappresentano il 70 %

"Durante il 2012 Spotify ha visto crescere fortemente i suoi introiti conservando un tasso di conversione dal servizio gratuito a quello a pagamento di oltre il 20 per cento: un fatto inaudito per un'attività basata su un'offerta di tipo freemium, e una chiara dimostrazione del successo del modello di business", ha commentato a Music Week un portavoce della società. "Nel 2012 la nostra attività si è concentrata sulla spinta alla crescita degli utenti, sull'espansione internazionale e sullo sviluppo del prodotto: il numero degli utenti è salito di molto ed è cresciuta la penetrazione di mercato. La nostra priorità chiave nell'arco del 2013 e oltre rimane quella di portare un'esperienza musicale senza pari sul mercato a un numero ancora maggiore di persone continuando a lavorare per la crescita a lungo termine: per la nostra azienda come per l'industria musicale nel suo complesso".

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.