Stewart Copeland porta in tribunale i nuovi Doors

Stewart Copeland porta in tribunale i nuovi Doors
Nuove grane legali per i neo-riformatisi Doors, ribattezzatisi Doors Of The 21st Century: dopo la causa con l’ex componente del gruppo di Jim Morrison, John Densmore, che ha diffidato il nuovo gruppo dall'utilizzare il nome dei “Doors”, questa volta è Stewart Copeland, arruolato inizialmente come nuovo batterista della formazione (vedi News), ad aver intentato un nuovo procedimento legale contro Ray Manzarek e Robby Krieger.
L’ex-membro dei Police, che lo scorso dicembre aveva dovuto lasciare il gruppo a causa di un braccio rotto (vedi News), non ha gradito che la sua sostituzione con Ty Dennis, annunciata inizialmente come temporanea, sia diventata, poi, effettiva.
Nei documenti depositati presso la Corte Superiore di Los Angeles, il musicista denuncia la rottura degli accordi orali e chiede un risarcimento per danni di oltre 1 milione di dollari.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.