Debutto su AOL: MusicNet a disposizione di 27 milioni di americani

Messa finora in ombra, come gli altri distributori di musica digitale, dallo strapotere di KaZaA, Grokster e dei servizi peer to peer, MusicNet può vantare da oggi un alleato di prima grandezza negli Stati Uniti: America Online, che ha deciso di offrire ai suoi abbonati l'accesso al catalogo digitale della Web company, vanta 27 milioni di utenti a pagamento che rappresentano per lei la più massiccia apertura, fino ad oggi, sul mercato di massa.

L'approdo a MusicNet, nelle strategie musicali di America Online, era un passo abbastanza scontato, considerando che AOL Time Warner è parte in causa in entrambe le imprese (nel primo caso in joint venture con EMI e Bertelsmann). E le aspettative sono elevate, anche da parte degli osservatori esterni del mercato digitale: “I sistemi peer to peer prosperano”, ha commentato all'agenzia Reuters Lee Black, un analista di Jupiter Research, “ma avere AOL tra i protagonisti sulla scena aiuterà ad incrementare la consapevolezza dei servizi a pagamento disponibili sul mercato”. Fino ad oggi, le stime attribuiscono a MusicNet e al suo concorrente Pressplay non più di mezzo milione di utenti a testa, contro gli oltre 60 milioni di persone che impiegano regolarmente un network come KaZaA: ma ora i dirigenti di AOL Time Warner si aspettano di “convertire” alla musica digitale anche una fetta di coloro che non hanno dimestichezza con il downloading gratuito.

MusicNet sarà disponibile agli utenti AOL con un catalogo iniziale di 250 mila canzoni, utilizzabile a partire da un abbonamento “basic” da 3,95 dollari mensili che dà diritto a 20 downloads e 20 ascolti in streaming.

Circa metà degli album attualmente presenti nella Top 200 di Billboard sono inclusi nell'offerta, anche se non tutti sono disponibili per il CD burning, cioè la copia su compact disc. In esclusiva, gli abbonati AOL potranno accedere ai contenuti di alcuni programmi musicali specifici creati dal network: ogni distributore di MusicNet, infatti, appronta una sua versione “customizzata” e differente del servizio. Tecnicamente il sistema è stato “settato” in modo da facilitare il downloading a chi (come la maggioranza dei clienti AOL) utilizza ancora connessioni analogiche e quindi più lente: lo scopo, spiegano i tecnici di AOL, è di garantire una velocità doppia rispetto a quella consentita da reti come KaZaA, che tipicamente richiedono dai 12 ai 22 minuti per scaricare un'intera canzone. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.