EMI-Warner: una fusione sembra ancora lontana

Le indiscrezioni su un possibile “merger” tra EMI e Warner (a ruoli ribaltati, con la prima cioè nella veste inedita di società acquirente) continuano a moltiplicarsi, nei dispacci d'agenzia e sulle pagine dei giornali economici internazionali: ma a scremare il fiume di parole e di chiacchiere che inonda in queste ore anche il Web, la notizia non sembra avere ancora molta sostanza. Analisti ed esperti finanziari assicurano che le trattative sono iniziate, ma ammettono anche che si resta, per ora, agli approcci iniziali; e che per AOL Time Warner la cessione degli interessi musicali rappresentati da Warner Music costituirebbe ancora, a questo punto, una soluzione estrema da opporre a mali altrettanto estremi (l'impossibilità di ridurre altrimenti i debiti che gravano sulla società, 20 miliardi di dollari).
Nessuno, in definitiva, sembra aver fretta di concludere un affare che, secondo quanto suggerisce il Wall Street Journal di lunedì scorso (24 febbraio), potrebbe risolversi nell'acquisto di una quota di maggioranza Warner da parte di EMI, per una cifra compresa tra i 3 e i 4 miliardi di dollari. Più di un operatore finanziario mette però in dubbio che la casa britannica, spesso soggetta a giudizi poco lusinghieri da parte degli agenti di Borsa, sia in grado di sostenere un investimento di questa portata con le sue sole forze (e infatti si parla anche del probabile intervento di investitori terzi).
Sulla vicenda, tacciono comprensibilmente i portavoce dell'una e dell'altra parte. I bene informati, intanto, confermano che anche tra EMI e BMG erano ripresi recentemente i contatti in vista di una possibile fusione: ma a questo punto i negoziati sarebbero stati nuovamente abbandonati.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Paola Marinone (BuzzMyVideos)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.