Spotify replica a Nigel Godrich e Thom Yorke: 'Qui per aiutare gli artisti'

Spotify replica a Nigel Godrich e Thom Yorke: 'Qui per aiutare gli artisti'

L'annuncio del ritiro da Spotify di "Eraser" di Thom Yorke, di "AMOK" degli Atoms For Peace e di "Ultraista" di Nigel Godrich, così come i duri commenti che quest'ultimo e Yorke hanno postato su Twitter a proposito delle royalty versate agli artisti emergenti dalla piattaforma di streaming hanno indotto la società svedese a intervenire pubblicamente nel dibattito per difendere la sua posizione. "L'obiettivo di Spotify è di far crescere un servizio che la gente apprezzi e per il quale in ultima analisi si dimostri disposta a pagare e che sia in grado di fornire all'industria musicale il sostegno finanziario necessario a investire in nuova musica e in nuovi talenti", ha replicato un portavoce dell'azienda fondata da Daniel Ek. "Vogliamo aiutare gli artisti a entrare in contatto con i loro fan, a scoprire nuovo pubblico, ad accrescere la loro fan base e a guadagnarsi da vivere con la musica che noi tutti amiamo. Al momento siamo ancora agli stadi iniziali di un progetto a lungo termine che sta già avendo un effetto enormemente positivo sugli artisti e sulla nuova musica. Abbiamo già versato 500 milioni di dollari ai detentori dei diritti e per la fine del 2013 questa cifra salirà a un miliardo. Molto di questo denaro viene reinvestito nello sviluppo di nuovi talenti e nella produzione di nuova musica". "Siamo impegnati al 100 % a rendere Spotify un servizio musicale il più artist-friendly possibile e discutiamo costantemente con artisti e manager su come poter contribuire a sviluppare le loro carriere", ha concluso il portavoce.

Sempre via Twitter, Yorke ha intanto risposto anche alle critiche avanzate dal produttore Stephen Street riguardo all'atteggiamento che i Radiohead hanno tenuto nei riguardi della musica digitale sin dal momento della pubblicazione di "In rainbows" con il sistema del download a libera offerta: "Per me 'In raibows' è stata una dichiarazione di fede. La gente attribuisce ancora valore alla nuova musica e questo è ciò che tutti noi desidereremmo da Spotify: non fate di noi il bersaglio".

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.