Il giudice dice no agli Allman Brothers: demo e live restano alla Universal

Si è mossa troppo tardi, la band di Greg Allman, per vedersi restituire il “maltolto” dalla casa discografica Universal: ore e ore di incisioni live, demo e prove di studio che il gruppo simbolo del rock sudista americano aveva accumulato nell’arco di un decennio, tra il 1969 e il ’79, e che ora la major non ha nessuna intenzione di mollare. Così almeno ha ritenuto la settimana scorsa un giudice di Los Angeles, respingendo l’istanza che la Allman Brothers Band aveva presentato due anni fa per ottenere la restituzione del materiale, destinato nelle sue intenzioni ad uso privato e non a pubblica diffusione. Secondo i membri della band ricorsi in giudizio – oltre ad Allman, il batterista Jai Johnny “Jaimoe” Johanson, il chitarrista “Butch” Trucks e gli eredi dello scomparso Raymond Berry Oakley III – quelle incisioni non rientravano nell’oggetto del contratto che la band aveva stipulato ai tempi con la Capricorn Records. La Universal aveva ereditato i nastri attraverso un complicato gioco di acquisizioni e di fusioni dopo il “merger” con la PolyGram che, a sua volta, ne era entrata in possesso quando la Capricorn di Phil Walden finì in bancarotta nel 1979.
Fino a cinque anni fa, hanno spiegato gli Allman in tribunale, il gruppo non sapeva neppure dell’esistenza dei nastri nei magazzini della casa discografica. Appena venuti a conoscenza della cosa, i tre membri originali della formazione e gli eredi di Oakley si sono fatti avanti scrivendo alla Universal, ma senza riceverne mai risposta. Tutto regolare, però, secondo il giudice: i termini utili per esigere la restituzione delle bobine sono nel frattempo spirati.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.