Scheletri nell'armadio: Al Jourgensen e il jingle per la bibita del 1983

Scheletri nell'armadio: Al Jourgensen e il jingle per la bibita del 1983

Come noto è uscito da poco - in lingua inglese - il volume autobiografico di Al Jourgensen (Ministry) "The Lost Gospels According To Al Jourgensen".
Il libro, tra le varie cose, ha dato modo di fare luce su quella che è stata una meteora virale nel web qualche tempo fa (circa tre anni or sono), ossia la notizia che Jourgensen, nei primi anni Ottanta, avrebbe cantato in un jingle per uno spot pubblicitario.
Il musicista non aveva mai chiarito la questione, ma nell'autobiografia ne fa chiaramente menzione, confermando tutto quanto.

In pratica nel 1983 Jourgensen - che pur facendo il musicista lottava per arrivare a fine mese e non aveva un contratto discografico - per far quadrare il bilancio si prestava, alla bisogna, come compositore e turnista nel giro dei jingle. In questo frangente scrisse, suonò e cantò la colonna sonora di uno spot per la Shasta - una famosa ditta statunitense che produce bibite low cost.

Ecco il jingle, in tutto il suo splendore trash anni Ottanta...

Caricamento video in corso Link


A proposito di quel periodo, Jourgensen nel libro scrive: "Prima di firmare per la Sire coi Ministry scrivevo jingle per la radio e la tv; ci serviva per pagarci la droga, l'affitto e dar da mangiare a nostro figlio. All'epoca ho fatto uno spot per la Shasta e della roba per la Huffy e ogni volta che uscivo dallo studio volevo ammazzarmi. Mi ha aiutato davvero a capire cosa può aver significato, per mio papà, accantonare il sogno della sua vita per mantenere la famiglia. E' quello che stavo facendo, ed era orribile. Ma mi ha reso più forte. Se ora mi fai a fette e mi metti su un vassoio, troverai della carne durissima. Immangiabile".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.