Causa Incubus: la Sony esige il rispetto del contratto

Causa Incubus: la Sony esige il rispetto del contratto
La multinazionale giapponese contrattacca in tribunale alla rock band americana, che sta cercando di liberarsi dal contratto facendo appello alle leggi che in California impediscono ad una casa discografica di vincolare un artista per più di sette anni (vedi News).
La Sony, che è ricorsa a sua volta in giudizio presso una corte federale di Manhattan, reclama il diritto ad altri quattro album da parte del gruppo, il cui contratto originale prevedeva la consegna di sette dischi (tre sono già stati pubblicati: e tra questi il best seller “Make yourself”, che ha venduto oltre 2,6 milioni di copie).
La casa discografica sostiene che la rottura del contratto d’esclusiva firmato nel ’96 le costerebbe decine di milioni di dollari.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.