Federculture lancia l'allarme: in calo consumi culturali, concerti - 8,7 %

Dopo dieci anni di crescita costante, calano in Italia i consumi culturali: i dati presentati ieri a Roma in presenza dei ministri Massimo Bray (Beni e attività Culturali/Turismo) e Enrico Giovannini (Lavoro e Politiche Sociali) e del sindaco Ignazio Marino da parte di Federculture, associazione nazionale che riunisce enti pubblici e privati, istituzioni e aziende che operano nel campo delle politiche e delle attività culturali, stimano nel 4,4 per cento la flessione nel 2012 della spesa destinata a cultura e ricreazione dalle famiglie italiane. Mentre ta il 2002 e il 2011 l'incremento era stato del 25,4 per cento, ha spiegato il presidente di Federculture Roberto Grossi, gli indici relativi all'ultimo anno sono negativi in tutti i settori: teatro (- 8,2 per cento) , cinema (- 7,3) musei e mostre (- 5,7) e concerti, dove si registra un calo dell'8,7 per cento. Contemporaneamente agli utenti, avverte Federculture, diminuiscono anche gli investitori, dal momento che "solo da parte dei Comuni in un anno è stato tagliato l’11 per cento delle risorse, mentre le sponsorizzazioni private destinate alla cultura scendono nel 2012 del 9,6 per cento".

Mentre i primi dati relativi al 2013 sembrano dipingere una situazione ancora più grave, l'associazione lancia un appello al governo chiedendo interventi che incentivino i consumi attraverso la detraibilità di spese culturali mirate, promuovano l'occupazione giovanile nel settore culturale e consentano il rilancio della produzione e dell'offerta attraverso la cancellazione delle norme che "soffocano l’autonomia e la capacità di programmazione di enti e aziende".

    Dopo dieci anni di crescita costante, calano in Italia i consumi culturali: i dati presentati ieri a Roma in presenza dei ministri Massimo Bray (Beni e attività Culturali/Turismo) e Enrico Giovannini (Lavoro e Politiche Sociali) e del sindaco Ignazio Marino da parte di Federculture, associazione nazionale che riunisce enti pubblici e privati, istituzioni e aziende che operano nel campo delle politiche e delle attività culturali, stimano nel 4,4 per cento la flessione nel 2012 della spesa destinata a cultura e ricreazione dalle famiglie italiane. Mentre ta il 2002 e il 2011 l'incremento era stato del 25,4 per cento, ha spiegato il presidente di Federculture Roberto Grossi, gli indici relativi all'ultimo anno sono negativi in tutti i settori: teatro (- 8,2 per cento) , cinema (- 7,3) musei e mostre (- 5,7) e concerti, dove si registra un calo dell'8,7 per cento. Contemporaneamente agli utenti, avverte Federculture, diminuiscono anche gli investitori, dal momento che "solo da parte dei Comuni in un anno è stato tagliato l’11 per cento delle risorse, mentre le sponsorizzazioni private destinate alla cultura scendono nel 2012 del 9,6 per cento".

    Mentre i primi dati relativi al 2013 sembrano dipingere una situazione ancora più grave, l'associazione lancia un appello al governo chiedendo interventi che incentivino i consumi attraverso la detraibilità di spese culturali mirate, promuovano l'occupazione giovanile nel settore culturale e consentano il rilancio della produzione e dell'offerta attraverso la cancellazione delle norme che "soffocano l’autonomia e la capacità di programmazione di enti e aziende".

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.