NEWS   |   Industria / 27/06/2013

Warner Italia, il nuovo presidente e ad è Marco Alboni

Warner Italia, il nuovo presidente e ad è Marco Alboni

Avvicendamento chiave al vertice di Warner Music Italy: Marco Alboni, fino allo scorso aprile a capo della EMI Music, assumerà il ruolo di presidente e amministratore delegato della società a partire dal 1° luglio in sostituzione di Massimo Giuliano, che lascia l'incarico alla fine di questo mese. "Voglio ringraziare Massimo per i suoi tanti anni alla guida dell'azienda", ha dichiarato il presidente del reparto internazionale Warner Stu Bergen (a cui Alboni riporterà direttamente). "Non solo è stato responsabile di alcuni delle maggiori storie di successo della discografia italiana, inclusi Laura Pausini e Ligabue, ma ha anche svolto un ruolo essenziale nella spinta alla diversificazione del nostro business in Italia. Gli auguriamo ogni successo per le sue future attività". "Siamo felici di dare il benvenuto a Marco nella famiglia di Warner Music", ha aggiunto, sottolineando che Alboni "combina un grande istinto creativo a un concreto acume imprenditoriale, ciò che appare chiaramente dal suo curriculum di innovatore nel campo del marketing digitale e di pioniere sotto il profilo della collaborazione con gli artisti su molteplici diritti. Sono fiducioso che ci aiuterà a sviluppare il nostro business in Italia e che, come membro del nostro team di vertice europeo, svolgerà un ruolo importante nell'integrazione del Parlophone Label Group (di cui si è occupato fino a pochi mesi fa, ndr) in tutta la regione".

"Sono entusiasta di unirmi a Warner Music e mi sento privilegiato a lavorare in una società con una storia così ricca e una capacità di adattamento tale dall' essere all'avanguardia dell'industria in tempi difficili e di grandi trasformazioni come questi", ha replicato Alboni, sottolineando che "Warner Music Italy offre ai suoi artisti una gamma di differenti servizi che ci impegneremo a sviluppare ulteriormente per diventare un punto di approdo naturale per la comunità artistica. Non vedo l'ora di contribuire al successo duraturo dei nostri artisti e della nostra società". (Nessuna dichiarazione, al momento, da parte di Massimo Giuliano, che Rockol ha cercato presso gli uffici Warner senza peraltro riuscire a contattarlo).

Alboni, 47 anni, ha iniziato la carriera in EMI, ha lavorato in PolyGram e in Virgin e ha gestito per un certo periodo un'etichetta indipendente, SKeye/N3 (con cui ha collaborato con la francese Naive al lancio dell'album di debutto di Carla Bruni) occupandosi anche del management di Federico Zampaglione/Tiromancino. Dal 2005 era tornato in EMI dove aveva assunto la posizione di managing director gestendo un roster di artisti locali che include Vasco Rossi e Tiziano Ferro. Il suo divorzio dalla società era stato conseguente all'assorbimento della stessa EMI da parte di Universal. <br>