Warner Italia, il nuovo presidente e ad è Marco Alboni

Avvicendamento chiave al vertice di Warner Music Italy: Marco Alboni, fino allo scorso aprile a capo della EMI Music, assumerà il ruolo di presidente e amministratore delegato della società a partire dal 1° luglio in sostituzione di Massimo Giuliano, che lascia l'incarico alla fine di questo mese. "Voglio ringraziare Massimo per i suoi tanti anni alla guida dell'azienda", ha dichiarato il presidente del reparto internazionale Warner Stu Bergen (a cui Alboni riporterà direttamente). "Non solo è stato responsabile di alcuni delle maggiori storie di successo della discografia italiana, inclusi Laura Pausini e Ligabue, ma ha anche svolto un ruolo essenziale nella spinta alla diversificazione del nostro business in Italia. Gli auguriamo ogni successo per le sue future attività". "Siamo felici di dare il benvenuto a Marco nella famiglia di Warner Music", ha aggiunto, sottolineando che Alboni "combina un grande istinto creativo a un concreto acume imprenditoriale, ciò che appare chiaramente dal suo curriculum di innovatore nel campo del marketing digitale e di pioniere sotto il profilo della collaborazione con gli artisti su molteplici diritti. Sono fiducioso che ci aiuterà a sviluppare il nostro business in Italia e che, come membro del nostro team di vertice europeo, svolgerà un ruolo importante nell'integrazione del Parlophone Label Group (di cui si è occupato fino a pochi mesi fa, ndr) in tutta la regione".

"Sono entusiasta di unirmi a Warner Music e mi sento privilegiato a lavorare in una società con una storia così ricca e una capacità di adattamento tale dall' essere all'avanguardia dell'industria in tempi difficili e di grandi trasformazioni come questi", ha replicato Alboni, sottolineando che "Warner Music Italy offre ai suoi artisti una gamma di differenti servizi che ci impegneremo a sviluppare ulteriormente per diventare un punto di approdo naturale per la comunità artistica. Non vedo l'ora di contribuire al successo duraturo dei nostri artisti e della nostra società". (Nessuna dichiarazione, al momento, da parte di Massimo Giuliano, che Rockol ha cercato presso gli uffici Warner senza peraltro riuscire a contattarlo).

Alboni, 47 anni, ha iniziato la carriera in EMI, ha lavorato in PolyGram e in Virgin e ha gestito per un certo periodo un'etichetta indipendente, SKeye/N3 (con cui ha collaborato con la francese Naive al lancio dell'album di debutto di Carla Bruni) occupandosi anche del management di Federico Zampaglione/Tiromancino. Dal 2005 era tornato in EMI dove aveva assunto la posizione di managing director gestendo un roster di artisti locali che include Vasco Rossi e Tiziano Ferro. Il suo divorzio dalla società era stato conseguente all'assorbimento della stessa EMI da parte di Universal. <br> 
 

    Avvicendamento chiave al vertice di Warner Music Italy: Marco Alboni, fino allo scorso aprile a capo della EMI Music, assumerà il ruolo di presidente e amministratore delegato della società a partire dal 1° luglio in sostituzione di Massimo Giuliano, che lascia l'incarico alla fine di questo mese. "Voglio ringraziare Massimo per i suoi tanti anni alla guida dell'azienda", ha dichiarato il presidente del reparto internazionale Warner Stu Bergen (a cui Alboni riporterà direttamente). "Non solo è stato responsabile di alcuni delle maggiori storie di successo della discografia italiana, inclusi Laura Pausini e Ligabue, ma ha anche svolto un ruolo essenziale nella spinta alla diversificazione del nostro business in Italia. Gli auguriamo ogni successo per le sue future attività". "Siamo felici di dare il benvenuto a Marco nella famiglia di Warner Music", ha aggiunto, sottolineando che Alboni "combina un grande istinto creativo a un concreto acume imprenditoriale, ciò che appare chiaramente dal suo curriculum di innovatore nel campo del marketing digitale e di pioniere sotto il profilo della collaborazione con gli artisti su molteplici diritti. Sono fiducioso che ci aiuterà a sviluppare il nostro business in Italia e che, come membro del nostro team di vertice europeo, svolgerà un ruolo importante nell'integrazione del Parlophone Label Group (di cui si è occupato fino a pochi mesi fa, ndr) in tutta la regione".

    "Sono entusiasta di unirmi a Warner Music e mi sento privilegiato a lavorare in una società con una storia così ricca e una capacità di adattamento tale dall' essere all'avanguardia dell'industria in tempi difficili e di grandi trasformazioni come questi", ha replicato Alboni, sottolineando che "Warner Music Italy offre ai suoi artisti una gamma di differenti servizi che ci impegneremo a sviluppare ulteriormente per diventare un punto di approdo naturale per la comunità artistica. Non vedo l'ora di contribuire al successo duraturo dei nostri artisti e della nostra società". (Nessuna dichiarazione, al momento, da parte di Massimo Giuliano, che Rockol ha cercato presso gli uffici Warner senza peraltro riuscire a contattarlo).

    Alboni, 47 anni, ha iniziato la carriera in EMI, ha lavorato in PolyGram e in Virgin e ha gestito per un certo periodo un'etichetta indipendente, SKeye/N3 (con cui ha collaborato con la francese Naive al lancio dell'album di debutto di Carla Bruni) occupandosi anche del management di Federico Zampaglione/Tiromancino. Dal 2005 era tornato in EMI dove aveva assunto la posizione di managing director gestendo un roster di artisti locali che include Vasco Rossi e Tiziano Ferro. Il suo divorzio dalla società era stato conseguente all'assorbimento della stessa EMI da parte di Universal. <br> 
     

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.