FIMI, targhe ufficiali per i dischi più venduti

FIMI, targhe ufficiali per i dischi più venduti

Il singolo di platino "Se si potesse non morire" dei Modà e gli album di platino "Stecca" di Moreno, "The platinum collection" di Vasco Rossi e "#Prontoacorrere" di Marco Mengoni sono i primi dischi a ricevere un attestato "fisico" e ufficiale delle vendite conseguite sul mercato italiano sotto forma di una piccola targa contrassegnata da un ologramma. L'iniziativa (che pone auspicabilmente fine all'epoca dei dischi d'oro e di platino fabbricati e "autocertificati" dalle case discografiche in onore più alle esigenze promozionali che alla realtà del mercato) si deve a FIMI e GfK, che insieme provvedono alla compilazione delle classifiche di vendita Top of the Music e che, ricorda il presidente dell'associazione dei discografici Enzo Mazza, assegnano certificazioni già da diversi anni, diffondendo pubblicamente "i riconoscimenti agli artisti che si misurano su un mercato, quello musicale, che ha attraversato negli ultimi tempi un momento di grande difficoltà rinnovandosi ed innovandosi fortemente". "La targhetta e l’ologramma ufficiale", sostiene Mazza, "attribuiscono un valore ancora maggiore all’assegnazione degli award di oro e/o platino volendo oltremodo sottolineare il successo raggiunto da numerosi artisti italiani".

Le attuali certificazioni italiane, nella categoria degli album, prevedono l'assegnazione del disco d'oro per oltre 30 mila copie vendute, il platino per oltre 60 mila copie, il multiplatino per vendite comprese tra 120 mila e oltre 300 mila copie e il disco di diamante per più di 600 mila copie vendute, mentre per i singoli online il disco d'oro equivale a 15 mila unità vendute, il platino a 30 mila e il multiplatino a oltre 60 mila.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.