Usa, nasce il Secretly Label Group (quattro indie in una)

Quattro etichette in una, per condividere funzioni e concentrare risorse sul marketing e l'A&R. Jagjaguwar, Secretly Canadian e Dead Oceans, marchi nordamericani appartenenti allo stesso team di proprietari, si sono associati al Numero Group, label specializzata in ristampe, creando il Secretly Label Group, struttura ubicata a Bloomington, Indiana (ma con staff dislocato anche a Brooklyn, Chicago, Austin, Londra, Parigi e Berlino) che permetterà loro di condividere servizi generali come ufficio legale e business affairs, contabilità, piattaforme tecnologiche e altro. In base all'accordo Ben Swanson, Chris Swanson e Darius Van Arman (soci di Dead Oceans, Jagjaguwar e Secretly Canadian) entrano nella proprietà del Numero Group fondato nel 2003 da Tom Lunt, Rob Siever e Ken Shipley in qualità di partner. "Conosciamo Chris, Ben e Darius da quando tutti noi muovevamo i primi passi nel mondo indie", ha spiegato Shipley. "Veder crescere le loro società, trasformandosi da marchi sconosciuti e velleitari in aziende capaci di formare il gusto del pubblico è stato emozionante, e siamo entusiasti di unirci a quello che, ne siamo sicuri, sarà un blocco formidabile di case discografiche capaci di lasciare un segno per i decenni a venire". Secondo Chris Swanson, invece, "Numero Group è la migliore etichetta di ristampe del mondo e associarci a Ken e Rob è un sogno che diventa realtà. Il loro gusto impeccabile, il loro acume senza pari nella ricerca e il loro profondo intuito per il business già oggi fanno di noi un gruppo di etichette più forte e completo".

Jagjaguwar e Secretly Canadian, entrambe nate nel 1996, si sono fuse tre anni dopo mantenendo roster separati: per la prima incidono tra gli altri Bon Iver, Dinosaur Jr, Black Mountain e Okkervil River; per la seconda Antony & The Johnsons, Major Lazer, War On Drugs e Yeasayer.



    Quattro etichette in una, per condividere funzioni e concentrare risorse sul marketing e l'A&R. Jagjaguwar, Secretly Canadian e Dead Oceans, marchi nordamericani appartenenti allo stesso team di proprietari, si sono associati al Numero Group, label specializzata in ristampe, creando il Secretly Label Group, struttura ubicata a Bloomington, Indiana (ma con staff dislocato anche a Brooklyn, Chicago, Austin, Londra, Parigi e Berlino) che permetterà loro di condividere servizi generali come ufficio legale e business affairs, contabilità, piattaforme tecnologiche e altro. In base all'accordo Ben Swanson, Chris Swanson e Darius Van Arman (soci di Dead Oceans, Jagjaguwar e Secretly Canadian) entrano nella proprietà del Numero Group fondato nel 2003 da Tom Lunt, Rob Siever e Ken Shipley in qualità di partner. "Conosciamo Chris, Ben e Darius da quando tutti noi muovevamo i primi passi nel mondo indie", ha spiegato Shipley. "Veder crescere le loro società, trasformandosi da marchi sconosciuti e velleitari in aziende capaci di formare il gusto del pubblico è stato emozionante, e siamo entusiasti di unirci a quello che, ne siamo sicuri, sarà un blocco formidabile di case discografiche capaci di lasciare un segno per i decenni a venire". Secondo Chris Swanson, invece, "Numero Group è la migliore etichetta di ristampe del mondo e associarci a Ken e Rob è un sogno che diventa realtà. Il loro gusto impeccabile, il loro acume senza pari nella ricerca e il loro profondo intuito per il business già oggi fanno di noi un gruppo di etichette più forte e completo".

    Jagjaguwar e Secretly Canadian, entrambe nate nel 1996, si sono fuse tre anni dopo mantenendo roster separati: per la prima incidono tra gli altri Bon Iver, Dinosaur Jr, Black Mountain e Okkervil River; per la seconda Antony & The Johnsons, Major Lazer, War On Drugs e Yeasayer.



Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.