Blur, nuovo album: c'è la conferma di Jamie Hewlett (Gorillaz)

Blur, nuovo album: c'è la conferma di Jamie Hewlett (Gorillaz)

Ai tanti indizi disseminati dai Blur circa la realizzazione di nuovo album di inediti in studio - l'ultimo dei quali, le proficue session di registrazione a Hong Kong - si aggiunge ora un'autorevole conferma: Jamie Hewlett, il disegnatore britannico ideatore dell'immagine virtuale dei Gorillaz già coinquilino di Damon Albarn, parlando del futuro della cartoon band (che, appunto, divide il proprio frontman con i Blur) ha spiegato come il quartetto londinese abbia effettivamente in programma di pubblicare una nuova prova sulla lunga distanza.

"Ci sono cinque anni di pausa tra un disco e l'altro (parlando dei Gorillaz, ndr) perché una volta che ne hai finito uno ti senti svuotato e ti viene voglia di fare altro", ha raccontato al Guardian Hewlett: "Così Damon è partito in tour coi Blur: stanno girando il mondo e stanno lavorando ad un nuovo disco, quindi per lui è un momento molto occupato. Anch'io sto facendo altre cose. Ma credo che quanto i tempi saranno maturi torneremo. C'è poi il fatto che l'industria discografica sia cambiata moltissimo rispetto a quando iniziammo noi. Adesso i soldi sono finiti e ci sono questi nuovi gruppi impressionanti, tipo gli irlandesi Script, tipo ragazzini di quattordici anni che sono i migliori chitarristi rhythm and blues che vi sia mai capitato di sentire. Hanno quattordici anni e si fanno i dischi nella loro cameretta, senza spendere una lira. Invece i Gorillaz sono molto costosi, per un discografico. Costosi perché 'animati'... Quindi sì, credo non ci sia troppa fretta".

"Credo che i Gorillaz abbiano un futuro, anche se sono una realtà complessa e complicata da produrre", ha proseguito Hewlett: "Penso che prima di fare un nuovo disco sia il caso di aspettare ancora un po', perché come spesso accade nel musicbiz cambia tutto in pochissimo tempo. E Damon ha un sacco di cose da fare, nel frattempo. Di solito ci prendiamo una pausa di cinque anni tra un disco e l'altro (l'ultimo disco, "The fall", fu pubblicato nel 2011, ndr) per distrarci con altre cose, perché farne uno è un lavoro davvero duro. Di solito lavoro senza sosta per anni, e ogni tanto fa bene staccare del tutto e cambiare aria. Però per un disco serve una buona idea, e serve continuità nell'ispirazione. A livello collettivo, più che personale".

Il Blur si esibiranno in Italia i prossimi 28 e 29 luglio rispettivamente al City Sound Festival di Milano e al Rock in Roma, nella Capitale.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.