Dati ufficiosi dagli Usa: il 2013 primo anno di recessione per i download?

La decisione di Apple di lanciare iTunes Radio, un servizio di streaming integrato con il suo preesistente e popolarissimo negozio digitale, si iscrive in una profonda trasformazione in corso nel mercato digitale: secondo i dati preliminari fatti circolare ufficiosamente da una major discografica americana, riporta Paul Resnikoff su Digital Music News, le vendite di download negli Stati Uniti sono già calate di circa il 3 per cento rispetto all'anno scorso. Il 2013, se - come si pensa - le cifre ufficiali di Nielsen SoundScan attese in due o tre settimane confermeranno la tendenza, sarà dunque probabilmente il primo anno in cui i file audio scaricati a pagamento registreranno un decremento negli Usa. "Se Nielsen dirà che (il calo) è meno del 2 per cento sarà una falsificazione", sostiene il dirigente major interpellato dal sito americano. "Forse le cose miglioreranno nel quarto trimestre, ma quasi certamente i download sono destinati a calare nel complesso dei dodici mesi". Il problema riguarderebbe non solo i singoli ma anche gli album, dove la crescita del formato digitale - ridottasi però a incrementi percentuali a una cifra - non basta a compensare la continua riduzione del mercato dei cd.

Alla crisi dei download, come noto, si contrappone lo sviluppo sostenuto dello streaming musicale: in due anni e mezzo (settembre 2011 - marzo 2013) il solo Spotify ha triplicato gli abbonati a pagamento da 2 a 6 milioni, e dovrebbe sfondare a breve il muro dei 7 milioni di utenti paganti.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.