P. Diddy: 'La mia tv musicale parlerà la lingua degli artisti'

La decisione presa sette anni fa da MTV di interrompere la programmazione dei videoclip musicali, l'esplosione dei media digitali e la sua "provata abilità nel cavalcare tutto ciò che è cool" sono alla base della decisione di Sean Combs, in arte P.Diddy, di lanciare (a ottobre) Revolt, una tv musicale via cavo sviluppata in collaborazione con Comcast e NBC. Lo ha spiegato lui stesso intervenendo ieri  al Cannes Lions International Festival of Creativity dedicato agli operatori del settore pubblicitario. "Non c'era più una piattaforma a cui gli artisti musicali potessero affidare la loro arte e la loro creatività, e neanche un canale che coprisse la musica come ESPN fa con lo sport e CNN con le notizie di attualità" ha spiegato Combs, fondatore e amministratore delegato della società Bad Boy Worldwide Entertainment Group, aggiungendo che "per quanto riguarda la musica potevi solo finire negli abissi o nella stratosfera senza alcun piano o destinazione. Ho cercato di farmi ingaggiare a 'Dancing With the Stars' perché non c'era altro posto in cui potessi andare a raccontare la mia storia". Revolt, ha spiegato, "sarà social e globale per concezione. E' un sogno, e tutto quel che posso fare è alzarmi la mattina e cercare di trasformarlo in realtà. Auguro a me stesso buona fortuna".



    La decisione presa sette anni fa da MTV di interrompere la programmazione dei videoclip musicali, l'esplosione dei media digitali e la sua "provata abilità nel cavalcare tutto ciò che è cool" sono alla base della decisione di Sean Combs, in arte P.Diddy, di lanciare (a ottobre) Revolt, una tv musicale via cavo sviluppata in collaborazione con Comcast e NBC. Lo ha spiegato lui stesso intervenendo ieri  al Cannes Lions International Festival of Creativity dedicato agli operatori del settore pubblicitario. "Non c'era più una piattaforma a cui gli artisti musicali potessero affidare la loro arte e la loro creatività, e neanche un canale che coprisse la musica come ESPN fa con lo sport e CNN con le notizie di attualità" ha spiegato Combs, fondatore e amministratore delegato della società Bad Boy Worldwide Entertainment Group, aggiungendo che "per quanto riguarda la musica potevi solo finire negli abissi o nella stratosfera senza alcun piano o destinazione. Ho cercato di farmi ingaggiare a 'Dancing With the Stars' perché non c'era altro posto in cui potessi andare a raccontare la mia storia". Revolt, ha spiegato, "sarà social e globale per concezione. E' un sogno, e tutto quel che posso fare è alzarmi la mattina e cercare di trasformarlo in realtà. Auguro a me stesso buona fortuna".



Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.