Confermato: Live Nation in partnership con Insomniac (EDM)

Sempre più proiettata sull'EDM, l'electronic dance music che riempie le arene e conquista le classifiche di vendita (dai Daft Punk in giù), Live Nation ha lanciato una partnership creativa con la Insomniac Events di Pasquale Rotella confermando le indiscrezioni che circolavano dall'inizio del mese di maggio. La notizia è stata ufficializzata dallo stesso Rotella nel corso di un meeting/conferenza da lui organizzato, anche se nell'occasione non si è parlato di cifre (l'impegno di Live Nation, che secondo il Wall Street Journal sarebbe di quasi 50 milioni di dollari in cambio di una quota di capitale prossima al 50 per cento, si avvicinerebbe secondo altre fonti agli 80 milioni).

Nonostante l'ingresso di Live Nation, ha assicurato Rotella, gli eventi organizzati da Insomniac (tra cui i festival della serie Electric Daisy Carnival) non muteranno pelle: "Continuiamo a rifiutare un sacco di sponsor", ha detto. "Anche se non è una cosa di cui la gente ha molta coscienza, la chimica cambia un po' quando gli si comincia a vendere delle merci". "Non mi sento a mio agio, se qualcuno sponsorizza il palco piazzandoci in cima il suo logo", ha continuato il promoter. "La gente si vede proporre cose da comprare ogni giorno, e io desidero che nei nostri eventi il pubblico possa essere un po' più libero. Detto questo, qualche sponsor ce lo abbiamo anche noi".

A proposito dell'accordo con Live Nation, Rotella ha sottolineato che non si tratta di un'acquisizione ma piuttosto di un investimento da parte della multinazionale della musica dal vivo, e che non necessariamente gli eventi organizzati da Insomniac avranno luogo in futuro nei locali gestiti dalla società o utilizzeranno per la vendita dei biglietti la piattaforma di Ticketmaster. "Siamo un'impresa che guarda al lungo periodo", ha voluto ribadire con un comunicato. "Siamo sempre interessati a investire e a svilupparci, mentre in quest'industria sta arrivando un sacco di gente che tra cinque anni non ci sarà più".

Dall'archivio di Rockol - Artisti che odiano i loro successi: 11 casi da manuale
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.