Sorpresa, gli americani iniziano a stufarsi di 'The Osbournes'

Sorpresa, gli americani iniziano a stufarsi di 'The Osbournes'

Forse sarebbe stato meglio lasciar perdere tutto dopo la prima serie.

Nessuno lo ammette, ma ormai sono in tanti a pensarlo, specialmente quelli del “giro” dell'ormai celeberrima famiglia. Se la prima serie di “The Osbournes” negli USA era stata un clamoroso successo, diventando il programma più seguito in tutta la ventennale storia di MTV, la seconda non è un mezzo flop ma non è certo un botto. I telespettatori che, lo scorso 26 novembre, avevano seguito il debutto della serie numero 2 erano stati 6.6 milioni; quelli che hanno visto la puntata del 14 gennaio si sono fermati a quota 3.5 milioni. Ozzy, Sharon, Kelly e Jack Osbourne sono inoltre recentemente stati tra i presentatori degli American Music Awards: l'edizione con loro è stata la meno seguita di tutta la storia della manifestazione. Eccesso di esposizione? Prezzemolismo? Alcuni analisti della TV statunitense affermano che forse non è così. La strana famiglia piace ancora, ma è l'idea che c'è “dietro” alla seconda serie a non funzionare. La prima era andata alla grande perché mostrava le imprese strambe di un rocker e dei suoi familiari, la seconda va meno bene, così almeno pare, perché fa vedere delle persone diventate celebri e per di più alle prese col tumore della moglie di Ozzy. Argomento, quest'ultimo, che sembra poco gradito. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.