Condannato il ladro che distrusse la Lamborghini di Missy Elliott

Ci lamentiamo tanto dei lunghi tempi della Giustizia italiana, ma anche negli USA non scherzano. C'è infatti voluto infatti quasi un anno e mezzo prima di giungere alla condanna definitiva di un ladro, anche se si è trattato di un ladro piuttosto particolare. Stiamo parlando di Joseph Thomas Johnson, un 34enne che il 9 ottobre 2001 ebbe la bella idea di "prelevare" la potentissima Lamborghini Diablo di Missy Elliott da un garage di Richmond, Virginia. Il ladro, probabilmente poco a suo agio col mostro da 550 cavalli, ne perse il controllo dopo soli cinque chilometri; incapace di domare la belva, travolse un segnale stradale ed andò a schiantarsi contro un albero, riducendo la povera Diablo ad un catorcio. Il giudice George Tidey non ha trovato nulla di buffo nel caso e, ordinando al signor Johnson di sborsare 170.000 dollari per i danni causati, lo ha spedito a meditare nelle patrie galere per tre anni, quasi il doppio che per i casi di "normale" furto d'auto.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.