AOL Time Warner o solo Time Warner? Le ipotesi sul dopo-Case

Steve Case ha appena annunciato il suo “sacrificio” nel bene dell'azienda (vedi News), e già si addensano le previsioni sul futuro in serbo per AOL Time Warner.

Ogni decisione è ancora prematura, stando a quanto sostengono i bene informati, ma l'uscita di scena del numero uno di America Online nonché artefice del “merger” sembra rendere sempre più probabile una liquidazione degli interessi nel settore Internet e banda larga (rappresentati dalla stessa AOL) o quantomeno una modifica della ragione sociale in modo da ridimensionare la rilevanza della Web company, soluzioni entrambe caldeggiate da mesi dagli investitori (che hanno reagito bene alla notizia delle sue dimissioni, facendo rialzare la testa ad un titolo che ha perso il 70 % del suo valore nei due anni di contrattazioni successive alla fusione). .


Secondo Jessica Reif Cohen, un'analista di Merrill Lynch, la corporation potrebbe tornare a chiamarsi semplicemente Time Warner, mentre il marchio America Online resterebbe ad identificare solo una delle divisioni in cui si articola il gruppo. Un eventuale “spin-off” di AOL, invece, avverrà solo in tempi successivi, per lasciare alla società il tempo di raddrizzare i suoi conti economici bilanciando la perdita di introiti pubblicitari con un aumento delle sottoscrizioni a pagamento.
Non sembra peraltro che con le dimissioni di Case la strategia di AOL Time Warner sia destinata a cambiare radicalmente, dal momento che da tempo il presidente non aveva voce in capitolo nella gestione operativa della società (in mano a Richard Parsons). Né figurano più suoi uomini di fiducia, a questo punto, nella stanza dei bottoni: il vicepresidente di AOL Ted Leonsis, il più titolato tra quelli rimasti in carica, non ricopre nessuna posizione a livello di gruppo.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.