Musica digitale, un patto tra discografici e aziende informatiche

Musica digitale, un patto tra discografici e aziende informatiche
Dopo essersi scontrate a muso duro sul tema del downloading da Internet e della copia digitale, l’industria discografica e le aziende di Silicon Valley cambiano strategia e cercano un compromesso. Fonti autorevoli danno infatti per imminente l’annuncio di un patto di non belligeranza tra la RIAA (associazione delle case discografiche USA) e le organizzazioni che raggruppano le principali ditte di computer, Business Software Alliance (che include società come Microsoft, Apple e Adobe Systems) e Computer Systems Policy Project (a cui aderiscono aziende hardware come IBM, Intel, Hewlett-Packard e Dell), fino ad oggi arroccate su fronti contrapposti per quanto riguarda la protezione dei diritti d’autore rispetto ai rischi della duplicazione selvaggia da parte degli utenti della rete e dei possessori di riproduttori digitali.
Il concordato implica la rinuncia, da parte delle aziende tecnologiche, ad appoggiare i progetti di legge che negli Stati Uniti intendono riaffermare il diritto dei consumatori ad effettuare copie ad uso privato dei CD e DVD acquistati sul mercato, nonché un impegno concreto dell’industria informativa nell’appoggiare la lotta della discografia contro i pirati digitali; in cambio, la RIAA eviterebbe di insistere perché i sistemi di riproduzione audio di nuova generazione debbano incorporare obbligatoriamente “lucchetti” elettronici di protezione anti-copia, che le aziende produttrici ritengono troppo costosi e complicati da fabbricare. Il compromesso ha lo scopo essenziale di evitare quanto più possibile, in futuro, un intervento legislativo o governativo (“soddisfare le esigenze del consumatore”, recita il testo anticipato all’Associated Press, “è una decisione di business che dovrebbe essere dettata dalle dinamiche del mercato anziché essere soggetta a leggi e regolamenti”); e segnala anche, fanno notare alcuni osservatori, la prima spaccatura nel fronte compatto che ha visto la RIAA schierarsi finora sempre al fianco della Motion Picture Association of America, la potente organizzazione che difende gli interessi degli studi cinematografici di Hollywood; la MPAA, che ha invocato l’inclusione obbligatoria dei “lucchetti” elettronici in apparecchi come i registratori DVD, non risulta infatti tra i firmatari del patto.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.