Streaming, Rhapsody in Italia (col marchio Napster)

Da ieri, lunedì 3 giugno,  Rhapsody - uno dei primi e più longevi servizi di streaming al mondo - è disponibile anche in Italia, affiancandosi a piattaforme come Deezer, Spotify e Rdio con il celebre logo di Napster (rilevata nel 2011). Il lancio, che corona un anno di lavori preparatori finalizzati a confezionare offerte editorali e di contenuti modellate sui bisogni locali - è avvenuto contemporaneamente in 14 Paesi europei (gli altri sono Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Irlanda, Lussemburgo, Norvegia, Olanda, Portogallo, Spagna, Svezia e Svizzera; in Germania e nel Regno Unito il servizio era già in funzione). "Non offriamo un semplice archivio di brani ma un grande servizio musicale", ha spiegato a Billboard l'amministratore delegato di Rhapsody Jon Irwin. "Non puoi accontentarti di rendere disponibile un grande contenitore di canzoni e aspettarti che la gente lo compri. Devi adattarti alle diverse lingue, ai contenuti e alla programmazione locale. Quel che è rilevante in Portogallo non è detto che lo sia anche in Germania". Con il lancio europeo, il servizio risulta ora disponibile in 17 Paesi, contro i 28 di Spotify e i 182 di Deezer (che però è ancora assente dal mercato più importante del mondo, gli Stati Uniti).

L'offerta base in abbonamento di Napster  costa 9,95 euro al mese e consente l'accesso a un catalogo di 20 milioni di canzoni senza limiti e interruzioni pubblicitarie, via Web e mobile, online e offline; grazie a una promozione organizzata in collaborazione con Sonos, ditta che produce impianti wireless per la riproduzione di musica in streaming ad alta fedeltà, è tuttavia possibile provare gratuitamente il servizio per 90 giorni. In numerosi territori europei, ha spiegato Irwin, Rhapsody/Napster sta tratttando con diverse imprese di telefonia mobile per offrire il servizio in bundle  con i loro pacchetti tariffari.

Music Biz Cafe, parla Roberto Razzini (Warner Chappell Music Italia)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.