Rispuntano registrazioni perdute dei Beatles: erano in mano ai pirati

Rispuntano registrazioni perdute dei Beatles: erano in mano ai pirati
Colpo grosso della polizia inglese e olandese, affiancate in joint venture in un’operazione antipirateria con ramificazioni internazionali: da una serie di raid condotti nei Paesi Bassi e nell’Inghilterra sud-orientale è spuntato fuori un piccolo tesoro nascosto, cinquecento nastri a bobina dei favolosi quattro contenenti le incisioni originali delle celeberrime “Get back sessions” del 1969, scomparse quasi subito dalla circolazione per poi riaffiorare su innumerevoli bootleg cercati e scambiati con avidità dai collezionisti. Si tratta delle prove e delle “take” di studio realizzate per il film “Let it be”, che i Beatles registrarono tra il 2 e il 31 gennaio del 1969 in due diverse location (gli studi cinematografici Twickenham e i quartier generali dei Fab Four,la Apple di Savile Row) mentre si preparavano per una serie di concerti che non ebbero mai luogo (a parte la leggendaria esibizione sui tetti della Apple): sono centinaia di ore di nastro che le forze dell’ordine hanno rinvenuto nei covi dell’organizzazione clandestina internazionale dedita alla produzione e commercializzazione dei dischi “pirata”, e che finora erano stati pubblicati solo in piccola parte sul mercato legale, nel film “Let it be” e nell’omonima colonna sonora.
A far scattare le indagini, promosse dalla British Phonographic Industry e dall’organizzazione mondiale dei discografici IFPI, era stata la recente intercettazione, nel circuito clandestino, di una nuova ondata di bootleg contenenti quel materiale. Sei persone sono state arrestate con l’accusa di furto e ricettazione di merce rubata, mentre le indagini sono ancora in corso.
Dall'archivio di Rockol - Giles Martin racconta "Sgt. Peppers Lonely Heart Club Band"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.