Royal Albert Hall, riapre l'ingresso Sud con nuovo bar e nuova biglietteria

Royal Albert Hall, riapre l'ingresso Sud con nuovo bar e nuova biglietteria

La Royal Albert Hall londinese, tuttora la più prestigiosa sala da concerti della capitale e di tutto il Regno Unito, ha completato un'opera di ristrutturazione da 2,2 milioni di sterline (oltre 2 milioni e mezzo di euro) che ha permesso di arricchire l'ingresso sud dell'edificio di una nuova area dotata di una biglietteria e di un bar/caffè gestito dalla catena Rubharb. Ribattezzato The Zvi and Ofra Meitar Porch and Foyer in omaggio agli sponsor che hanno consentito il restauro, lo spazio comprende anche un negozio, un punto di incontro per i tour guidati dell'edificio e posti a sedere a disposizione dei visitatori. "Essendo amministrati da un ente di beneficenza, è importante per noi adottare una politica improntata alle 'porte aperte' così da permettere al pubblico di godere facilmente dell'impianto e delle sue attrazioni", ha spiegato l'amministratore delegato della RAH Chris Cotton. "La visione originaria del Principe Alberto", ha ricordato, "era di offrire un pubblico accesso alle Arti, e 142 anni dopo ci assicuriamo che le cose stiano ancora così".

Aperta dalla Regina Vittoria nel 1871 e attualmente inclusa nell'elenco Grade 1 degli edifici di massimo interesse storico, architettonico e culturale del Regno Unito, la Royal Albert Hall ospita tuttora oltre 350 eventi all'anno tra cui la popolarissima rassegna estiva di musica classica dei Proms inagurata nel 1941. Tra i numerosi artisti italiani che vi si sono esibiti figurano Umberto Tozzi, Luciano Pavarotti, Zucchero, Andrea Bocelli, Eros Ramazzotti, Laura Pausini, Claudio Baglioni e Luciano Ligabue, che vi ha tenuto due concerti l'aprile scorso.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.