USA, continua la morìa di negozi: ora tocca a Musicland

Prosegue il conto delle vittime, su quel campo di battaglia che è diventato il mercato discografico americano, messo alle strette da una flessione che ha superato il 10 % (vedi News) negli ultimi dodici mesi: dopo le drastiche riduzioni annunciate dalla catena Wherehouse Entertainment (vedi News), arriva la conferma che anche il concorrente Musicland (di proprietà Best Buy) ha chiuso 90 negozi marchiati Sam Goody più altri 20 che operavano sotto l’insegna Suncoast (video), approfittando della scadenza dei contratti di affitto. I dirigenti del gruppo hanno citato come causa della loro decisione il declino delle vendite di musica preregistrata e la riduzione nella presenza di pubblico nei punti vendita. In totale, Musicland – che versava in condizioni difficili già prima di essere rilevata da Best Buy, due anni fa – ha chiuso 160 punti vendita in un anno, e si troverà presto costretta a licenziare 600 dipendenti (intanto se n’è già andato il presidente, Kevin Freeland). La società madre ha fatto sapere che i piani di sviluppo della catena restano, a questo punto, in sospeso.
E non è tutto: CD Warehouse, un’altra società di “retail” discografico che in luglio aveva avviato le pratiche per il concordato fallimentare, ha fatto sapere che entro due settimane metterà in vendita il suo intero patrimonio.
Dall'archivio di Rockol - Virtual Time, 'Waves Are Calling' #Nofilter per Rockol
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.