BMG, a PIAS marketing, vendite e distribuzione dei cataloghi Mute e Sanctuary

BMG, a PIAS marketing, vendite e distribuzione dei cataloghi Mute e Sanctuary

Sarà la indie belga PIAS a gestire i cataloghi discografici Sanctuary e Mute per conto di BMG per quanto riguarda i servizi di duplicazione, vendita, marketing, distribuzione fisica e digitale e fulfillment. L'accordo tra le due società, che copre tutto il mondo con esclusione del Nord America, riguarda oltre centomila titoli anche se, secondo le informazioni raccolte dalla testata inglese Music Week, non comprende i master di Depeche Mode (Mute) e Black Sabbath (Sanctuary). BMG, che ha acquisito i cataloghi da Universal per la cifra complessiva di 47 milioni di sterline, si occuperà invece direttamente di registrazione delle opere, di accounting delle royalty, di reporting delle vendite e di sincronizzazioni collaborando con il partner nella pianificazione delle campagne.

"Siamo entusiasti di lavorare con PIAS", ha dichiarato l'evp International Repertoire di BMG Fred Casimir."Ci hanno particolarmente attratto il suo spirito indipendente e il suo network internazionale che copre tutti i mercati principali". Adrian Pope, managing director del reparto Artist and Label Services di PIAS, ha ricordato che la società "dispone di una potente combinazione di esperienza, sistemi efficienti e competenze specialistiche accanto una consolidata rete internazionale di partner e uffici di rappresentanza. BMG, d'altra parte, si è costruita con chiarezza la reputazione di società molto attenta ai suoi diritti e ai suoi repertori. Insieme condividiamo l'obiettivo di collaborare per portare in superficie una grande quantità di repertorio dall' enorme potenziale, tanto più nei mercati digitali di oggi in continua evoluzione e sempre più globalizzati".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.