Twitter#Music, 'troppo presto per dare un giudizio'

Twitter#Music, 'troppo presto per dare un giudizio'

A poco più di un mese dal lancio negli Stati Uniti, in Canada, nel Regno Unito, in Irlanda, in Australia e in Nuova Zelanda e dal battage pubblicitario che ha circondato l'evento, Twitter#Music sembra essere precipitato in un relativo anonimato. "Ma siamo ancora agli albori e non possiamo definirlo né un fallimento né un successo", ha risposto francamente Stephen Phillips (fondatore della tech company We Are Hunted e uno degli uomini chiave del servizio) a Paul Resnikoff, direttore della  testata online Digital Music News che durante una sessione di Q&A al Musictech Summit di San Francisco gli chiedeva conto di come stessero le cose. "Siamo solo agli inizi", ha ribadito Phillips, "e sarà un lungo cammino da costruire. Ma la musica rimane un elemento molto importante: così importante, per Twitter, che non c'è rischio che venga abbandonata per strada. Se si guardano i numeri, Twitter#Music è già una delle applicazioni musicali più importanti. Io dispongo di un team dedicato che sviluppa da tanti anni app musicali, e abbiamo in programma di muoverci molto rapidamente".

Richiesto di un commento sul futuro della musica (in streaming) a pagamento, Phillips ha detto di credere che "c''è gente che non comprerà mai più musica, e le imprese del settore dovranno monetizzarla in altri modi. Daremo un aiuto, quando avremo la possibilità di farlo. E' stata un'ottima cosa portare a un tavolo Rdio e Spotify, li abbiamo incontrati tre settimane prima del lancio dicendogli che sarebbe stato bello se si fossero uniti a noi. Ci siamo chiesti come rendere più facile agli utenti usare quei servizi, ma non sono sicuro che tocchi a noi venderli".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.