Biglietti, Ticketmaster contro i bagarini che usano i 'Web robots'

Biglietti, Ticketmaster contro i bagarini che usano i 'Web robots'

Utilizzando programmi e applicazioni automatizzate (i cosiddetti "bots" o web robots), i "bagarini" e i siti di secondary ticketing riescono, a volte, ad accaparrarsi oltre il 60 per cento dei biglietti più richiesti e più appetibili messi in circolazione online. Lo hanno spiegato a Ben Sisario, reporter del New York Times, alcuni funzionari dell'agenzia di ticketing Ticketmaster, società che recentemente ha fatto causa a un gruppo di rivenditori abusivi accusandolo di avere fatto uso dei bot per richiedere fino a 200 biglietti al giorno. Per far fronte al problema, ricorda Sisario, a fine 2011 Ticketmaster ha ingaggiato uno specialista come John Carnahan, impegnato in precedenza a combattere le frodi pubblicitarie online per conto di Yahoo! I sistemi di monitoraggio impiegati dall'agenzia di ticketing permettono di capire quando ad interagire con la piattaforma è una macchina (che agisce secondo moduli standard a intervalli regolari) e quando è un essere umano (che preme pulsanti a velocità variabile spostandosi in maniera più casuale da una parte all'altra dello schermo). "Non stiamo cercando di impedire a nessuno di comprare biglietti", ha spiegato Carnahan, "ma vogliamo solo essere sicuri che siano i fan a poterli comprare".

Ma il problema, aggiunge Michael Rapino, amministratore delegato della capogruppo Live Nation, è che "come succede con gli hacker puoi risolvere la cosa oggi, e domani quelli stanno già scrivendo un nuovo codice". Come noto, Live Nation e Ticketmaster operano a loro volta sul mercato della rivendita "secondaria" dei tagliandi con TicketsNow. Rapino non vi vede tuttavia alcuna contraddizione: "Per me non è un problema se chi ha comprato un biglietto per un concerto di Justin Timberlake decide di rivenderlo a qualcun altro", ha spiegato al New York Times, ribadendo il concetto espresso da Carnahan: "Prima di tutto vogliamo essere sicuri che sia un fan ad avere la possibilità di comprarlo".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.